I prezzi variano molto in città
Borgo Trento si conferma il quartiere più costoso per l’acquisto di una casa: qui si va dai 2200 euro al metro quadro per un immobile medio usato (quelli signorili raggiungono i 2400 euro) ai 4mila euro per un’abitazione nuova (5mila euro se si cerca la fascia più alta). Secondo i dati dell’ufficio studi di Tecnocasa, aggiornati al primo semestre dell’anno, in zona Cittadella i prezzi sono più bassi e variano da una media di 3250 euro per una casa nuova ai 2100 per una usata, calando leggermente se ci si sposta a San Zeno (dai 2800 euro ai 1750 euro), Valverde (dai 3mila ai 1900 per un’abitazione usata) fino a Veronetta dove la forbice è compresa tra i 2400 euro e i 1650 euro. A Borgo Milano e nel quartiere Stadio la richiesta varia indicativamente dai 1800 per un immobile nuovo ai 1300 per uno usato abbassandosi ulteriormente nel cuore di Borgo Roma (dai 1800 ai mille euro), numeri in linea con quelli proposti a Borgo Venezia dove i prezzi al metro quadro variano tra i 1900 per il nuovo e i mille per un usato. Prezzi in progressivo calo da qualche anno a questa parte: per rendere l’idea, nel corso degli ultimi 24 mesi il prezzo richiesto all’interno del comune di Verona ha raggiunto il suo massimo nell’ottobre del 2015, con un valore di 1.772 euro al metro quadro. Il mese in cui è stato richiesto il prezzo più basso è stato novembre 2016: per un immobile in vendita la media si era attestata sui 1.721 euro e da allora la situazione è mutata di poco. Le conseguenze si sono registrate nel numero di compravendite che, secondo i dati dell’Agenzia delle Entrate, sono aumentate nel primo semestre di quest’anno del 3,8% rispetto ai primi sei mesi del 2016. A muoversi nella prima parte del 2017, conferma Tecnocasa, sono stati soprattutto gli acquirenti di prima casa, molti dei quali avevano atteso il combinarsi di una serie di condizioni favorevoli – tassi bassi, prezzi in calo e una rinnovata fiducia – per acquistare. Ma è stato registrato un aumento degli acquisti di immobili anche da parte di investitori che, già nei semestri precedenti, avevano iniziato a riversare capitali nel settore, dopo alcuni anni di incertezze.

Tratto da: L'Arena - cronaca- pag. 17