Un abbraccio all'ingresso del Polo Confortini

L’INIZIATIVA. Grande successo di pubblico
L’idea è partita dalla segreteria della Chirurgia pediatrica

Se è vero che abbracciarsi può migliorare la qualità della vita, aumentare l’autostima e addirittura abbassare la pressione arteriosa, allora bisognerà proprio benedire la singolare iniziativa che è andata in scena ieri al Polo Confortini. A chi ha transitato in piazza Canneto sarà capitato di incrociare Babbo Natale e altri personaggi pronti a regalare un abbraccio ai passanti, a offrirlo. Si è trattato della prima Giornata degli abbracci gratis in ospedale, un’idea nata da un gruppo di dipendenti dell’Azienda ospedaliera con il consenso della direzione generale. La promotrice è Anna Bonavoglia, che lavora nella segreteria della Chirurgia pediatrica e ha coinvolto i colleghi del reparto, gli oss, le infermiere, i clown di corsia e persino i baristi. In veste di abbracciatore, ha partecipato anche il primario, il professor Francesco Camogli. In tanti sembrano aver capito la positività dell’iniziativa, a giudicare dalla risposta. Per i più piccoli, non sono mancati gadget, giocattoli e palloncini che gli abbracciatori hanno avuto grazie al contributo di alcuni negozi. L’idea degli abbracci gratis nelle piazze è nata a Sidney oltre dieci anni fa. Poi l’iniziativa Free Hugs si è diffusa nel mondo, con una giornata dedicata, il 30 giugno.

Tratto da: L'Arena - cronaca- pag. 22

Data: 22/12/2018

Note: L.Per. - fotoservizio G.Marchiori