Un grande plastico in cui sono collocati i 21 principali luoghi di cantiere che cambieranno la città. Alcuni sono già partiti, altri sono imminenti e verranno realizzati sia dal Comune sia da soggetti privati. Tutto questo è visibile all’Ars Lab inaugurato il 25 giugno 2019 all’Arsenale.

Uno spazio che da settembre ospiterà un evento al mese perché i cittadini siano informati e consapevoli del cambiamento di cui Verona è già protagonista.

I luoghi della Verona del futuro sono: Arsenale, i compendi del Piano Folin, con Fondazione Cariverona protagonista della rigenerazione di una parte del centro storico con Palazzo del Capitanio e Castel San Pietro, ex Manifattura Tabacchi, le Gallerie Mercatali, l’ex scalo merci dove sorgerà il Central Park, la Casa di Giulietta, i Magazzini Generali, ex Tiberghien, la Dogana a San Fermo, (per i quali il processo di riqualificazione è già partito).

Poi c’è la partita di Verona Fortificata, da recuperare anche attraverso il partenariato pubblico-privato (mura di Verona e forti austriaci, Forte San Procolo, Forte Sofia, Castello di Montorio, Torri Massimiliane). Poi Palazzo Boccatrezza e il Silos di Levante, i cui recuperi sono garantiti dal bando delle Periferie, lo stadio Bentegodi, il Lazzaretto, Basso Acquar, Lungadige Galtarossa.

Potrebbe interessarti il video: http://www.veronasera.it/attualita/partono-lavori-recupero-arsenale-11-giugno-2020.html

dal giornale  VERONA SERA

 

Ars Lab plastico completo progetti