INIZIATIVA. Continua senza sosta il grande flusso di disegni al numero WhatsApp 3356390147
C’è anche la parola del vecchio Paperino
Striscioni, cartelloni, disegni e composizioni con l’unico filo comune della fantasia, uno degli antidoti più potenti anche nei tempi difficili

C’è anche lui. Il caro, vecchio e maldestro Papero. Singolare che oggi qualcuno lo ricordi ancora (suggerimento dalla regia familiare?) ma è sempre un piacere rivederlo. Soprattutto in tempi difficili, proprio lui che dell’abilità a cavarsela in qualunque situazione è da sempre l’emblema in piume e fumetto.I piccoli hanno l’istinto dalla loro nel capire a prima vista chi vale e chi no. Così il sorriso spetta proprio a un medico in camice e stetoscopio mentre la faccia triste è quella del «corona», di volta in volta definito dai piccoli artisti «brutto» e «cattivo». Ma che alla fine dovrà, per forza di cose, arrendersi.È un viaggio insolito, ma altamente istruttivo anche per tutti gli adulti, quello all’interno delle piccole «opere d’arte» che inondano il nostro canale WhatsApp, al numero 3356390147.C’è chi usa una lampadina come simbolo della luce e chi disegna il «mostro» circondato dalle forze di resistenza. C’è chi usa il Lego, mentre altri creano piccole composizioni colorate. In tanti ci mettono un sorriso: l’ormai iconico «smile» o, ancora di più, il proprio. Che vale certamente molto di più, visto che saranno soprattutto loro, i bambini, a raccontare un giorno di «quella volta in cui siamo rimasti chiusi in casa perché fuori c’era la malattia».I disegni, quando si è bambini, fanno compagnia, aiutano a passare il tempo. A noi adulti offrono una visione diversa e aiutano a soffiare via quel velo di polvere che, troppo spesso, ha coperto senza farsi notare la nostra fantasia.

Tratto da: L'Arena - cronaca- pag. 18

Data: 18/03/2020

Note: P.M.