L'ARSENALE. A settembre partiranno i lavori per rifare i tetti

IL SINDACO FEDERICO SBOARINA
Arsenale, stadio e Giulietta In autunno ci sarà la svolta

Le valigie per le vacanze in Carinzia con la famiglia sono pronte. Ma prima di partire il sindaco Federico Sboarina confessa di essere «molto arrabbiato» per le polemiche sui lavori del filobus. «È stata fatta una pessima comunicazione e se non si spiegano gli aspetti positivi dell’opera, la gente vede solo i disagi dei cantieri e gli alberi tagliati. Per questo», annuncia, «da settembre ci sarà una completa inversione di tendenza con assemblee che illustreranno gli interventi tre mesi prima dei lavori con informazioni corrette sia sui benefici che il filobus porterà al trasporto pubblico locale che sulle criticità dei cantieri. Il filobus è un’opera voluta dagli stessi cittadini e, ad oggi, non si può più fermare. Parlare di penali da pagare per stoppare i cantieri è da irresponsabili, perché comporterebbe distogliere soldi da altri servizi essenziali».Sindaco Sboarina, dopo questo primo semestre del 2019 ha qualche rimpianto? No, le cose che avevamo avviato all’inizio dell’anno stanno andando avanti nei tempi previsti: Casa di Giulietta, progetti sul nuovo stadio, Arsenale. Anzi qualcosa è anche andato più veloce perché non avrei mai immaginato di chiudere il protocollo di intesa sullo Scalo merci con le Ferrovie. Sulla Fondazione Arena sapevamo che i dati delle prevendite erano positivi, ma anche le vendite al botteghino stanno andando bene. Finora siamo a circa 30mila spettatori in più, e introiti maggiori per 2,5 milioni rispetto alla scorsa stagione. Alla ripresa di settembre quali sono gli obiettivi?Vedere le impalcature all’Arsenale per il rifacimento dei tetti, poi avere tutti gli elementi per poter prendere una decisione sul nuovo stadio. Sulla Casa di Giulietta a fine ottobre avremo le proposte definitive di gestione. Metto anche la variante urbanistica 23 che contiene tantissimi interventi che i cittadini aspettano da anni.Il presidente del Consiglio Maschio lancia l’allarme sugli oltre 1.500 emendamenti… Gli uffici stanno facendo un enorme lavoro di verifica e semplificazione. Si arriverà ad un massimo di trecento.Un nuovo stadio, pare ci sia anche un interessamento del Credito sportivo, è proprio necessario?Il Bentegodi, costruito nel 1963, è in uno stato molto critico e non rispetta i parametri Uefa e Fifa di sicurezza e conformità. Avviare ristrutturazioni sarebbe antieconomico.L’addio dell’Ikea è stata un’occasione persa?Se la legge non permette una cosa non si può nemmeno parlare di occasione. Detto ciò, un centro commerciale di quel tipo sarebbe stato troppo impattante. Tant’è che l’Ikea non fa più quel tipo di insediamenti. E, secondo me, non è così disinteressata alla città di Verona. Quindi potrebbe diventare, stavolta sì, una vera occasione. Agsm, si parla da mesi di aggregazioni. Si va avanti? La nostra azienda deve affrontare il mercato con aggregazioni che non possono più attendere. Va verificato insieme ad Aim di Vicenza quale partner industriale sia più adeguato. Ma i mesi autunnali saranno decisivi anche per il futuro dell’aeroporto visto che si chiude il rapporto quinquennale tra i soci pubblici di Aerogest e il privato Save. È preoccupato per la coesione della maggioranza?Sono contento che ci siano non dei soldatini, ma persone che discutono sul modo migliore per raggiungere gli obiettivi. Cambiamenti in Giunta?Non li escludo, ma sono scelte da condividere come coalizione.La accusano di non prendere le distanze dalle ali più estreme. Lo fa per convinzione o per quieto vivere?Per convinzione perché sono polemiche strumentali e io come non sono intervenuto su Paolo Berizzi che ha fatto la sua serata in sala Lucchi dicendo cose contro di me e contro il mio staff, non intervengo sulle legittime espressioni di pensiero di qualcuno che fa parte della mia maggioranza. Andrà a vedere Sergei Polunin in Arena?Farò il possibile per esserci, lo saluterò e gli dirò che sono orgoglioso che abbia scelto Verona. Un artista va considerato per quello che è non per le sue opinioni.Ma è accusato di omofobia e il Circolo Pink lancia una campagna di boicottaggio…Che pensino piuttosto a quello che è successo a Bibbiano prima di attaccare gli altri. Facciano prima i conti a casa propria.

Tratto da: L'Arena -

Data: 9/08/2019