Viale della Repubblica, una delle strade interessate dal provvedimento

In viale della Repubblica e nelle vie Isonzo e Tonale 80 stalli blu diventano gialloblù: dalle 20 alle 8 parcheggiano in strada solo residenti con permesso
ENRICO GIARDINI

Borgo Trento: da febbraio scatterà la lotta alla “sosta selvaggia” nelle ore serali, dopo le 20, che tanto danneggia i residenti, in particolare quelli di vie dove parcheggiano quanti vanno in centro la sera. L’Amministrazione comunale – come avevamo anticipato alla metà di dicembre – trasformerà, in tre vie del quartiere più a ridosso del centro – ottanta stalli blu di sosta a pagamento dalle 8 alle 20 dal lunedì al venerdì, in stalli gialloblù. Quindi blu a pagamento dalle 8 alle 20, e gialli, quindi con sosta per i soli residenti muniti di permesso, dalle 20 alle 8. È quanto ha illustrato l’assessore alla mobilità Luca Zanotto, all’uscita della riunione di Giunta.Tre, come detto, le strade di Borgo Trento interessate alla modifica. Sono via Isonzo, nel tratto compreso tra via Prato Santo e via Quattro Novembre, sul lato dei civici dispari, e nel tratto tra via Quattro Novembre e viale della Repubblica, sul lato dei civici pari: gli stalli modificati saranno 27. Saranno invece 41 quelli che diventeranno gialloblù in via Tonale, nel tratto compreso tra via Prato Santo e via Quattro Novembre, sul lato dei civici pari, e nel tratto compreso tra via Quattro Novembre e viale della Repubblica, sul lato dei civici dispari. Saranno modificati invece 12 stalli in viale della Repubblica, nel tratto compreso tra piazzale Cadorna e via Todeschini, sul lato dei civici pari.«Da tanto tempo l’Amministrazione riceveva lamentele di residenti di Borgo Trento che, muniti di permesso per parcheggiare gratis l’auto in strada non avendo il garage, la sera dopo le 20 vedevano occupati gli stalli blu da parte di persone che poi vanno in centro e non utilizzano per esempio il nuovo parcheggio all’Arsenale», spiega Zanotto. «E il parcheggio spesso ha molti posti non utilizzati. Ecco perché, come primo passo, abbiamo deciso questo provvedimento per la zona sud del quartiere, quella più a ridosso del centro storico, che ha stalli bianchi a disco orario e poi quelli blu a pagamento fino alle 20. Ma questi, appunto, sono spesso occupati da persone che vanno in centro creando disagi ai residenti. Ottanta stalli gialloblù sono una buon rimedio».Zanotto ha citato anche il percorso che ha portato al provvedimento. A cominciare da quanto richiesto dal consiglio della Seconda circoscrizione (Borgo Trento, Valdonega, Avesa, Quinzano, Parona), alla mozione 367 della Lista Tosi in Consiglio comunale del 14 maggio scorso, a una ulteriore nota della circoscrizione del 23 maggio successivo. Fino all’iniziativa del gruppo consiliare di Battiti a Palazzo Barbieri, del 31 maggio e quindi alle commissioni consiliari del 7 novembre e del 13 dicembre.

Tratto da: L'Arena giornale di Verona

Data: 15/01/2019