25/11/2018

Il nostro dialetto, sconosciuto o no?  a cura di susi Orna

Prendendo spunto da un vecchio vocabolario dal “Dialetto- all’Italiano”, oggi abbiamo sorriso con Susi.

E’ stato simpatico trovare termini,  di uso comune in un recente passato, diventati quasi stranieri.

Comunque ce la siamo cavata abbastanza bene, anche perchè non essendo più giovanissime, più o meno le avevamo sentite se non usate direttamente, per cui tra cotola-zeo, piron- carega, scaesagne e preo  abbiamo preso la sufficienza.

Per finire Susi Orna ci ha recitato questa poesia

I CIOCOLI

a  l’ Aida in ‘Rena

I

I è vegnù coi trambai, con timonel

da Parona, Quinsan, da Sanguineto;

òmeni, done, zoveni, putele

 

col fiasco togo e ‘l quarto de cavreto

insacà, tra i paneti, ne la sporta;

el sol che cioca gà desfà un brodeto

 

onto de sudorin. Ma che importa?

In Renagh’è l’ Aida. Alè putei !

Tre ore prima che se fassa porta

i è lì col cò tirà ai cancei.

II

Po’, ‘pena che gh’ è verto, i se spampana

–come formighe in fila –su i scalini;

drento l’ ombrìa dei cògoli i se afana

 

par cuciarse sui posti piùvissini;

le piere scota e i ghe destira sora

un fojo vecio invesse de cussini.

 

El posto el gh’ è. Va ben che l’ è bonora

la Rena è un forno e se diventa fiapi;

ma su in alto gh’ è l’ ALA che se indora

 

e lori se la gode come Papi !

III

Bate le oto ; el sol gh’ à zà premura

de ‘ndar a nana; e tuto in un momento

la scalinada è ‘na gran fassa scura;

 

insieme al ciaro che svampisse lento

sbòca tra i sigaloni maledeti

‘na venèta, così, de sentimento

 

che sponta quando manco te la speti;

fin le comàre tase a una a una;

e al colpo de segnal i è tuti chieti

spetando che la musica li cuna.

IV

Taca, maestro! …  In meso ai lumetini

che fa sèrcolo in testa ai sonadori,

tra un tananài de trombe e de violini

 

che se la conta insieme par de lori

basta’na sbachetà sora el legìo,

–qua no gh’è palchi, e no comanda i siori —

 

parchè l’ orchestra fila al biondo Dio.

La musica la cresse e se fa bela

e Radames beato ghe tra drio

 

certi do che va in siel, ‘rente a ‘na stela.

V

Pora creatura!  La celeste Aida

— ‘na serva, infrusinà de ciocolata, —

l’è lì che la se ròsega avilida

 

sgnà-olando inamorà come ‘na gata…

A dirlo, i è parole; l’è ‘na  fola;

ma a sentir la foresta imbalsamata

 

ogni bocase vèerse a sbaciarola

e così la romanza del tenor

la ghe va drento, la fa gropo in gola.

 

po’ la se infila a insùcarghe el cor.

VI

Musica che va al cor: ma gh’è dei quei

che par gustarla fa consistar tuto

ne l’ insacarse pèso dei poersei.

 

ATO PRIMO : molon col so parsuto;

ATO SECONDO : ròsto de vedèl

e ‘na peada al fiasco ch’è za suto:

 

ATO TERSO . un quartin de polasterl

con tre foiete de salata:

po’ quando a Radames se schiude el ciel

 

‘na bira in gelo : ” Bira congelata!… ”

VII

Ma dime ti, se te lo cati al mondo

‘n’altro sito incantà, come ‘sta Rena,

dove ‘l silensio l’è cosìta fondo

 

ch ‘l te incioda la zente; e ‘l te fa pena.

Qua vinti mila cori i è un cor solo,

e te passa dei sgrìsoli in la schena

 

quando le note se spampana a volo …

Ma cosa è mai La Scala o l’ Opera?

Ci vol sentirse el cor come un pandolo,

 

eh, no gh’è Dio, bison ch’el vegna qua.

VIII

Te alsi i òci; e gh’è un giardin de stèle;

stèele che squasi trema de passion

e che beve la musica anca èle

 

vardàndo zò, curiose, el scudelon

pien de zente che scolta, e pianze, e tase.

Intanto, pian pianin, un fritaion

 

de luna salta sù drìo le case

e sbrìssia via ne la note serena;

le onde, drento al Nilo, le par brase;

 

e po’ i se lagna de la messa in scena!

IX

L’ ultimo baso. ” Ecco la tomba mia ! “

e la fiola del Re, che ha fato el male

la se sbrèga a smaniar de gelosia;

 

in ciesa del Dio Ftà, come farfale

la balarine le ghe pirla sora;

brusa l’ incenso contro le zinzale;

 

la Ida e Radames se struca ancora:

” per noi si chiude il ciel, si schiude il ciel | “

i violini se smorsa, el par che i mora…

 

Robe da dar de volta el servel !

X

Quando la ‘Rena torna chieta e uda

da la zente sfogà via ne le strade,

alora el ventesel taca la ruda

 

de carte da salame spampanade

che sui scalini rugola in gran festa

trai fiaschi sconquassà da le peade;

 

parchè la verità l’è proprio questa;

che i più bei sogni de ‘sto mondo infame

la poesia, l’ amor, passa, eno resta

 

..in fondo — che ‘na ponta de salame:

.