Mercoledì 16 febbraio 2011 alle ore 16
presso l’Auditorium della parrocchia di S. Pietro Apostolo:
“Storie di guerra, d’amore e di paese”
a cura di B.Etrari , S.Vanni, A.P.Vallarsa, M.Gragnato.

presentazione di materiale originale dall’epistolario di un ragazzo di Quinzano caduto in Russia

Sconta, tremenda la morte co l’elmo

ghignava, vestia de giasso e de fogo,

impassiente la spetaa, a Nikolajewka,

i nostri soldà.

NikolajewKa: la ciave de casa…

Pori cristi sfinidi, rassegadi,

vestidi de strasse, in mese a la stepa,

in longa colona,

sarpente de giasso sensa velen,

e la tormenta partaa via i piassè.

Vintisié de genar del quarantatrì,

na sbrancà de alpini,

al tramonto, soto un cel griso-rosso,

in na tempesta de fogo, i zugava

co la morte na tremenda partia…

Tuto parea perso…

ma è bastà un comando preciso, seco,

dado a tuta ‘osse: “Tridentina…avanti,

avantiii…! ” e i alpini de Reverberi,

come na valanga,

i à spassa via l’ultima resistensa…

Morea el sol insieme a tanti alpini

e nel cel diventà scuro, se ‘mpissaa,

a uno a uno, lumini

davanti a l’altar de Nikolajewka.

Nel parediso de papà Cantore

entrava solo i meio, lassando ai vivi

la ciave de casa…

Bruno

Lettera dal Passato