I soccorsi alla giovane ferita in Corso Porta Nuova

Monopattini sì, ma con testa e coscienza. Proprio ieri la commissione per le politiche giovanili ha dibattuto in Comune sui nuovi mezzi ecologici che stanno sbarcando nella nostra città. Da lunedì, al primo operatore, se ne è aggiunto un secondo che ha messo a disposizione un’ulteriore flotta di 250 monopattini bianchi e neri. «La condivisione di monopattini elettrici in via sperimentale sta avendo un grande successo, ma da subito si stanno manifestando alcune piccole criticità purtroppo dovute a comportamenti poco virtuosi da parte di alcuni utenti», commenta il presidente della commissione, Andrea Velardi. Oltre all’illecita condivisione in due dello stesso mezzo e a qualche evidente spericolatezza, Velardi si riferisce in particolare alla sosta selvaggia. «Lo sharing sostenibile non permette di lasciare ovunque il mezzo noleggiato, come previsto dall’ordinanza comunale. Chi utilizza questi mezzi, al posto di quelli tradizionali a motore, è sicuramente ben visto, ma deve ricordare che sostenibilità ed educazione devono viaggiare di pari passo chiedendosi per esempio, al momento della sosta, se il monopattino possa essere di ostacolo per il transito di un passeggino o di una persona con disabilità».

Note: C.Bazz. - Mozzo