L'assessore Marco Padovani con il figlio Alberto sul cantiere per la pista ciclabile in Via Fenilon

L’INTERVENTO. L’assessore Marco Padovani replica alle richieste della Prima Circoscrizione

«Sono in arrivo nuovi fondi per tappare le buche in centro città e incollare i sampietrini gli uni agli altri con il sistema della resinatura».
Per tappare le buche in centro città e incollare i sanpietrini gli uni agli altri, sono in arrivo nuovi fondi per circa cinquantamila euro totali. Una boccata d’ossigeno per il parlamentino, alle prese con la mancanza di fondi per far fronte alla manutenzione ordinaria di strade e marciapiedi. Una situazione ritenuta grave che i consiglieri di maggioranza e opposizione hanno rilevato durante l’ultima riunione di consiglio alla quale ha partecipato anche il dirigente dell’ufficio tecnico della prima circoscrizione.«L’amministrazione guarda con la massima attenzione al centro storico e allo stato delle sue strade, in particolare di quelle pavimentate con il porfido», spiega però l’assessore a Strade e Giardini Marco Padovani che il luglio scorso ha portato in giunta la richiesta di impiegare ulteriori cinquantamila euro circa proprio per incollare, in alcuni punti particolarmente ammalorati, i sanpietrini con la più resistente tecnica della resinatura. «La giunta ha approvato subito e ora siamo in fase di assegnazione della gara. Con gli uffici preposti monitoriamo costantemente la situazione delle strade e insieme identificheremo nel dettaglio le vie su cui intervenire», aggiunge Padovani. Tra i punti già identificati ci sarebbero piazza Bra e via Oberdan.«È evidente che questi fondi non bastano a risolvere tutti i problemi ma è un inizio. Del resto, il costo del porfido è molto alto, circa cinque volte quello dell’asfalto», analizza. Se il costo di un metro quadro di asfaltatura è di circa venti euro, quello di porfido più resinatura arriva a cento. «Gli interventi comunque proseguiranno con i prossimi stanziamenti di risorse per le manutenzioni ordinarie e straordinarie, per affrontare le situazioni più critiche», dichiara l’assessore.Intanto, dalle prossime settimane, gli operai saranno al lavoro per resinare alcune porzioni di porfido non solo in centro storico ma anche a Veronetta. In particolare, l’intervento in programma prevede la sistemazione dei tratti più ammalati di via Trezza. Tra i lavori già realizzati nei mesi scorsi entro l’ansa dell’Adige, oltre alle strade, c’è anche quello sul Toloneo di piazza Erbe. Nella parte di piazza vicina all’imbocco di corso Sant’Anastasia, il lastricato era davvero malmesso. I consiglieri della prima circoscrizione, comunque, intendono mettere ai voti durante il prossimo consiglio una mozione per chiedere più fondi a Palazzo Barbieri da destinare a strade e marciapiedi. Tra i responsabili del veloce deterioramento delle strade in centro storico, il traffico anche pesante e di attraversamento che percorre le strette vie e i vicoli della città antica.

Tratto da: L'Arena - cronaca- pag. 19

Data: 19/09/2019

Note: Ilaria Noro