MALAVITA SCATENATA. Assalto alle 12.40 alla Valpolicella Benaco Banca di piazzale Cadorna

Quattro banditi con berretti e occhiali da sole hanno portato clienti e dipendenti al piano di sopra. Ripulito il denaro della cassa continua.

Rapina nella filiale della Valpolicella Benaco Banca di piazzale Cadorna, a Borgo Trento. Alle 12.40, mezzora prima della chiusura, tre malviventi di circa 30 anni d’età, armati di taglierino e con il viso parzialmente coperto con occhiali da sole e berretti calati sul volto, sono entrati facendosi consegnare tutto il denaro contenuto nella cassa continua del bancomat. Il colpo ha fruttato loro circa 80mila euro. Un quarto complice, rimasto fuori per fare da palo, li aspettava nell’auto sulla quale si sono allontanati facendo perdere le tracce.Tutto si è svolto in pochi minuti. In quel momento in banca c’erano otto persone, i quattro dipendenti e quattro clienti. Nessuno di loro avrebbe subito minacce. Uno dei rapinatori, secondo le testimonianze parlava con un’inflessione siciliana, li ha invitati a mantenere la calma e a seguirlo al piano superiore e ad aspettare all’interno di una stanza, che non è stata chiusa a chiave, finché il «lavoro» non fosse finito.Gli altri due, intanto, si facevano consegnare da un addetto trattenuto al piano terra, il denaro nella disponibilità del bancomat, circa 80mila euro. Probabilmente, gli autori del colpo, che hanno agito con calma dando prova di sangue freddo, sono dei professionisti che erano già stati in sopralluogo sul posto, dal momento che conoscevano molto bene la dislocazione dei locali. E non si sono fatti intimorire dal cartello, in bella vista all’entrata dell’istituto di credito, in cui si legge che «il denaro è gestito dal computer» e che «il sistema è protetto da un impianto d’allarme». All’esterno della filiale, inoltre, non c’erano guardie giurate. Qualche minuto dopo l’irruzione, quando ormai i banditi si erano allontanati con il bottino sull’auto del complice, dalla stanza al primo piano è partita la chiamata al 113. Sul posto sono arrivate le volanti della polizia e gli agenti della squadra mobile e della Scientifica per rilevare elementi utili a identificare i rapinatori. Le indagini sono in corso. La polizia ha anche acquisito le registrazioni delle telecamere di videosorveglianza all’interno e all’esterno della banca.

Tratto da: L'Arena - cronaca- pag. 15

Data: 14/07/2018

Note: Enrico Santi - foto DiennE