Subire un furto è sempre un’esperienza sgradevole, ma lo è ancor di più il furto del proprio nome, cognome, data e luogo di nascita per fini fraudolenti. Come difendersi? La migliore arma in questi casi è la prevenzione.Come prevenire il furto dei propri dati personali. I propri dati personali vanno gestiti in maniera appropriata. È pertanto consigliabile conservare in un luogo sicuro una fotocopia dei propri documenti (carta d’identità, passaporto, patente, codice fiscale, etc.) ed evitare di riporli tutti nello stesso posto, soprattutto quando si è in viaggio.E’ opportuno, inoltre, evitare di lasciarli in macchina o, peggio, incustoditi in giacca o borsa. Attenzione a chi ci chiede di comunicare i nostri dati. E’ bene fornirli solo dopo aver verificato la liceità della richiesta.Anche la sicurezza della corrispondenza è importante: utilizzare una cassetta della posta che non sia accessibile a terzi ci aiuterà a prevenire il furto della corrispondenza.Altre azioni che ci aiutano a prevenire spiacevoli sorprese sono l’abitudine a distruggere i vecchi documenti prima di gettarli e controllare la puntuale consegna della posta ed in particolare l’arrivo delle bollette delle utenze.Come prevenire il furto dei propri dati economici. Carta di credito, bancomat, conto corrente: i dati economici devono essere puntualmente protetti e verificati. Pertanto è importante annotare le date di arrivo degli estratti conto bancari e della carta di credito, verificando l’esattezza degli importi e l’addebito o accredito delle varie operazioni. E’ opportuno poi distruggere, con l’apposito apparecchio o sminuzzandoli a mano, i vecchi documenti (libretti di assegni, estratti conto) prima di gettarli nell’immondizia. E’ buona abitudine limitare il numero delle carte di credito nel portafoglio, verificandone spesso la presenza e, durante un’operazione, facendo attenzione a non firmare la ricevuta senza aver prima accertato l’importo riportato.Il pin del bancomat e della carta di credito dovrebbe essere un’informazione da ricordare mentalmente, è opportuno comporlo sempre al riparo da occhi indiscreti e soprattutto non comunicarlo a nessuno.Non perdere mai di vista il portafoglio ma, se capita, in caso di smarrimento o furto della carta di debito o di credito, adoperarsi immediatamente per il blocco.Cosa fare se si rimane vittima di un furto d’identità,Non appena ci si accorge di aver subito un furto d’identità è importante denunciare subito il fatto alle Forze di Polizia e rivolgersi ad un’Associazione di consumatori per ricevere assistenza e supporto.Per informare i cittadini sui rischi derivanti dall’uso fraudolento di bancomat e carta di credito abbiamo promosso il Progetto Facciamo i conti, cofinanziato dalla Camera di Commercio, che vuole educare i consumatori all’uso consapevole del denaro e tutelare il risparmio.

Tratto da: L'Arena - cronaca- pag. 23

Data: 22/05/2018