Cani al guinzaglio a passeggio in città

AMICI A QUATTRO ZAMPE. Iniziativa lanciata da Comune, guardie zoofile, Anaci e Ulss 9
Da martedì incontri nei quartieri per affrontare con gli esperti i problemi più diffusi legati alla vita in città con cani e gatti.
Li amiamo tanto, ma spesso nel modo sbagliato. E in una società in cui circa una famiglia su due ha in casa un animale, va a finire che l’oggetto delle discordie diventano proprio loro, cani, gatti e altri pets. I motivi? Sporcano le strade, abbaiano, rovinano i giardini, girano liberi spaventando altri animali e mettendo in pericolo le persone. È evidente, quindi, che il problema vero non è rappresentato dai nostri compagni a quattro zampe, ma dai proprietari che spesso non sanno come gestirli e adottare comportamenti corretti, dentro e fuori casa.Nasce per risolvere questo problema l’iniziativa «Con…fido nel mio quartiere», promossa dal Comune e Guardie Zoofile Oipa Verona in collaborazione con Anaci, Associazione nazionale Amministratori Condominiali e Immobiliari, e l’Ulss 9, presentata ieri in una conferenza stampa in Comune che ha visto l’intervento di Laura Bocchi, consigliere comunale delegato alla Tutela e al benessere degli animali, Massimiliano D’Errico, comandante delle Guardie zoofile Oipa Verona, Michele Ischia, presidente provinciale dell’Anaci, e Stefano Adami, direttore dei Servizi veterinari dell’Ulss 9, insieme ai presiotto Circoscrizioni.«Riceviamo moltissime segnalazioni relative agli animali», spiega Laura Bocchi. «Dai maltrattamenti ai problemi di vicinato, per non parlare della maleducazione di alcuni proprietari o delle condotte errate, soprattutto di chi abita in condominio. Ecco perché abbiamo pensato di portare sul territorio alcuni esperti in grado di dare consigli e suggerimenti utili alla vita di tutti i giorni».Saranno otto, dunque, gli appuntamenti del progetto «Con…fido nel mio quartiere» aperti alla cittadinanza, tutti alle 20.30. Si parte martedì 18 febbraio, nella sala civica Elisabetta Lodi di via San Giovanni in Valle a Veronetta. Seguiranno gli incontri di mercoledì 19 febbraio, nella sala Turazza Cimarrusti di via Sogare, in zona stadio; lunedì 16 marzo al Centro Tommasoli di via Perini, in Borgo Santa Croce; martedì 17 marzo nella sala consiliare di via Villa in Borgo Trento; mercoledì 15 aprile nella sala Alberto Benato di via Mincio, alle Golosine; lunedì 20 aprile nella sala Papa Giovanni Paolo II in piazza Penne Nere a Montorio; lunedì 18 maggio nella sala consiliare di San Michele extra, in piazza del Popolo; mercoledì 20 maggio nella sala di via Benedetti in Borgo Roma. «Crediamo profondamente nella mission della prevenzione», ha aggiunto il dottor Stefano Adami. «Che si fa anche attraverso la comunicazione e gli incontri sul territorio». E Adami sottolinea come, spesso, gli animali siano un vero e proprio pretesto per dare vita a tensioni facilmente evitabili. «Sono le conflittualità tra persone, in tanti casi, il vero problema». Ecco, allora, l’importanza di conoscere e non infrangere norme previste da ordinanze, regolamenti e leggi. «In una società come la nostra il rispetto delle regole permette a tutti di vivere in serenità, che si tratti di animali o di persone», ha sottolineato il comandante Massimiliano D’Errico.

Tratto da: L'Arena - cronaca- pag.19

Data: 13/02/2020

Note: Silvia Allegri