Il dilemma: ventilatore oppure condizionatore?

Entrambi gli apparecchi in questi giorni nei negozi vanno a ruba. 

L’Arena

IL GIORNALE DI VERONA

Venerdì 21 Agosto 2009 CRONACA Pagina 9 .

 

Secondo lo specialista è soprattutto importante eliminare l’umidità dall’aria.

Lo pneumologo: «Bene l’aria condizionata ma per gli anziani è meglio non esagerare» Quale soluzione, al di là del gusto personale, è meglio adottare in casa – in particolare per gli anziani – in questi giorni per combattere il grande caldo: ventilatore o aria condizionata? Lo abbiamo chiesto ad un medico, il dottor Alessandro Masotti, pneumologo alla «Pederzoli» di Peschiera, per sfatare qualche mito in merito all’aria condizionata e capire se e come servirsene.

«L’aria condizionata è una buona soluzione, anche nel caso di anziani», spiega il dottor Masotti. «Solo che la si deve usare con criterio: non creando uno sbalzo troppo forte con l’esterno, ma semplicemente per ridurre la temperatura di qualche grado e soprattutto (questo è l’aspetto importante e utile alla salute) per eliminare l’umidità. Usata così l’aria condizionata fa bene, se invece c’è sbalzo eccess ivo è dannosa.

Quanto al ventilatore, va bene anche questo, è utile perché crea un movimento d’aria che genera benessere. E’ un classico che i nostri pazienti, quando hanno crisi respiratorie, tendono ad aprire la finestra, come se l’aria potesse giovare loro: con il ventilatore il sollievo è soggettivo e ha dunque anche un’implicazione psicologica, che può essere comunque positiva».

Ma condizionatori portatili e ventilatori, in ogni caso, vanno a ruba. Nella maggior parte dei negozi specializzati si sta lavorando a ritmo serrato: secondo i responsabili delle vendite, quasi un «recupero» in extremis di una stagione che era partita in sordina. «Chiedono tutti qualche cosa che sia pronto all’uso: da una settimana il via vai di clienti è cresciuto molto, mentre nella prima parte della stagione si era venduto poco», confermano alla Bussola. «Il modello di condizionatore più in voga negli ultimi anni è senza dubbio quello a parete, più completo ed eff! icace: in questi giorni però il problema è di trovare una soluzione immediata, per cui quasi tutti acquistano un condizionatore portatile, che ha anche un costo inferiore (intorno ai 500 euro).

E quasi esauriti sono anche i ventilatori: qui dipende un po’ dai gusti delle persone, c’è chi, per quanto caldo, di aria condizionata non ne vuole sentire parlare». «Molte più richieste negli ultimi giorni: la gente ci chiede apparecchi portatili, pronti all’uso, perché spiega di non riuscire più a chiudere occhio la notte per il caldo», fanno eco da Conforama. «In linea generale infatti ormai quasi tutti, se si muovono per tempo, preferiscono le installazioni a muro, ma questo è un acquisto di emergenza e allora optano per il portatile, che possono spostare da una stanza all’altra». «Ventilatori non ne abbiamo praticamente più: tutti esauriti, andati a ruba, soprattutto quelli in acciaio con piantana», dicono a nche da Unieko. «Anche molti portatili comunque sono stati venduti in questi ultimi giorni: decisamente più dell’anno scorso». A.G.

Tratto da: NULL

Data: 1/01/1970

Note: NULL