La casetta dei libri di via Abba

Costruite su disegni di un gruppo di professionisti nel campo dell’architettura e del design
Il bookcrossing trova casa in via Abba, in Borgo Trento. Nel parco giochi sono state inaugurate due postazioni per lo scambio di libri, una per i più piccoli. È l’invito alla lettura che viene dall’associazione Le Fate onlus, dall’assessorato al Decentramento, dalla seconda circoscrizione e da Amia, lanciato la settimana scorsa con i primi due libri: «Fortunatamente N.E.» di Remy Charlip edito da Orecchio Acerbo e «E se non avessi tutte le rotelle a posto? Datemi un consiglio» di Rosie Rushton (Mondadori). Il primo dai 4 anni in su, il secondo dagli 11. Dice Miriam Scappini educatrice di Le Fate: «L’idea di creare punti bookcrossing nasce da un workshop svolto la scorsa estate all’interno di un progetto chiamato “Rigenerazioni” e che si sviluppa su più quartieri: Borgo Trento, San Bernardino, Santa Lucia. I libri diventano scambio culturale ma anche di gentilezza: ne lascio uno che può essere preso, letto e condiviso con altre letture».Le due casette per accogliere i libri sono state costruite su disegni di un gruppo di professionisti nel campo dell’architettura e del design, il Suddenly …Home!, che ha guidato alcuni cittadini. «Un processo di costruzione che diventa progettazione e appropriazione del luogo», dice la coordinatrice Rosalba Ferba. Per l’assessore al Decentramento, Marco Padovani, «il progetto di liberare libri nel parco di via Abba si distingue per mettere a disposizione letture dedicate ai bambini e altre per un pubblico adulto. Un valore aggiunto». Questa iniziativa si inserisce in altre svolte dall’associazione Le Fate, come ricorda la presidente della seconda circoscrizione, Elisa Dalle Pezze. Tra i prossimi appuntamenti attorno alle casette dei libri sono previsti laboratori animati in occasione della Giornata nazionale di promozione per la lettura (24 marzo). «Porterò il libro “Natura in città. Tante attività da fare tra cortili e giardini” di Fiona Danks Jo Schofield, edito da Editoriale Scienza», dice Dalle Pezze. «È dedicato ai ragazzi per vivere all’aria aperta». All’inaugurazione era presente il vice-presidente di Amia, Alberto Padovani. «Ci vuole cultura per l’ambiente e qui si unisce alla lettura», ha detto.

Tratto da: L'Arena - cronaca- pag. 10

Data: 17/02/2020

Note: M.Cerp.