L’OPPOSIZIONE. Nota dell’ex assessore Bozza su facebook sottoscritta da Tosi, Bisinella e Leso.
«Colpo di spugna solo per azzerare quanto fatto dalla amministrazione di prima. Ma parlando a vanvera»

Il provvedimento definitiva ancora non c’è stato. Ma è sufficientemente chiaro che la nuova amministrazione di Federico Sboarina è determinata a chiudere in un cassetto il progetto che, nelle intenzioni della passata amministrazione, avrebbe dovuto far rinascere l’Arsenale. Ogni decisione, intanto, è stata congelata fino al 13 settembre, in attesa della sentenza del Tar, su un ricorso presentato dal comitato che si oppone al project financing. A protestare contro «la volontà di cancellare il progetto, frutto di anni di lavoro e unica soluzione realmente praticabile per ridare ai veronesi uno straordinario pezzo della loro città», è l’ex assessore e ora consigliere della Lista Tosi, Alberto Bozza. «Ancora una volta», scrivono in una veemente nota, fatta circolare anche su Facebook dove è stata sottoscritta anche dall’ex sindaco Flavio Tosi, da Patrizia Bisinella e da Anna Leso, «si sceglie di cancellare con un colpo di spugna, al solo fine di stoppare ciò che ha fatto la precedente amministrazione. Si è parlato a vanvera», affermano, «di progetto “squalificante”, di centro commerciale, di privatizzazione… Insomma una serie di spot che non coincidono con il reale progetto proposto».I consiglieri dell’area tosiana, inoltre, considerano azzardata la decisione, considerando «i tempi per revocare tutto, per fare la variazione di bilancio e impegnare i 14 milioni di euro entro fine anno, togliendoli dal project». E rammentano «il rischio di pagare penali onerose, di esporre le casse comunali ad esborsi e risarcimenti milionari che pagherebbero i veronesi, con anni di contenziosi in ogni sede. E poi», chiedono, «da dove si tirano fuori gli altri milioni necessari per il recupero complessivo?».E tutto questo, aggiungono, «per mantenere una “folle” promessa elettorale». Conclude Bozza: «È dal 2002, prima in circoscrizione e poi in Giunta che mi batto per recuperare l’Arsenale, ora mi impegnerò, e ci uniremo, per far si che questo sogno ormai ad un passo per essere realizzato non venga cancellato da chi vuole far fare un salto indietro di oltre dieci anni a Verona… Mi auguro si possano unire molti altri».E.S.

 

Tratto da: arena-cronaca - pag.8

Data: 17/07/2017

Note: E.S.