MISURE. Da oggi al 15 aprile 2018 i blocchi per i veicoli inquinanti nelle fasce 8.30-12.30 e 15-18.
Introdotti due livelli di allerta, nel secondo l’orario si fa continuato
Anche il vigile usa la mascherina: da oggi i blocchi delle auto no kat
Entra in vigore oggi la nuova ordinanza del sindaco con le misure antismog da attivare durante il prossimo inverno e fino ad aprile.Il provvedimento, che sarà analogamente applicato in 98 Comuni della provincia di Verona, fa seguito alle decisioni assunte dal Tavolo tecnico zonale provinciale che si è riunito nella sede della Provincia il 5 ottobre scorso, collegate al recepimento della delibera della Giunta regionale, sulle misure temporanee omogenee individuate dal Nuovo Accordo Bacino Padano. L’accordo riguarda le regioni Emilia-Romagna, Lombardia, Piemonte e Veneto ed è volto al miglioramento della qualità dell’aria e al contrasto dell’inquinamento locale da PM10, con misure che, per la prima volta, saranno contestualmente attivate su tutto il territorio del nord Italia.Tra le misure di limitazione, il divieto di circolazione per i veicoli a benzina (Euro 0 e Euro 1) e a gasolio (Euro 0, Euro 1, Euro 2), fino al 15 aprile 2018, dal lunedì al venerdì, escluse le giornate festive infrasettimanali, nelle fasce orarie dalle 8.30 alle 12.30 e dalle 15 alle 18; il divieto di mantenere il motore accesso; di effettuare combustioni all’aperto; di climatizzare nelle abitazioni cantine, ripostigli, box, garage, depositi; di limitazione della temperatura misurata a massimi 19 gradi.La novità di quest’anno contenuta nell’accordo regionale, riguarda l’istituzione dei due livelli di allerta per il superamento del limite giornaliero di 50 microgrammi per metro cubo della concentrazione di PM10 (polveri sottili): allerta 1 – arancio: attiva dopo quattro giorni consecutivi di superamento; allerta 2 – rosso: attiva dopo dieci giorni consecutivi di superamento.Nel caso di allerta 2, il divieto di circolazione diviene continuativo per tutta la settimana, con orario dalle 8.30 alle 18, compresi sabato, domenica e giornate festive infrasettimanali, con il blocco esteso anche ai veicoli a gasolio (Euro 3).Particolare attenzione, nei casi di superamento del valore limite giornaliero di PM10, va posta nell’utilizzo di riscaldamento domestico alimentato a biomassa legnosa.Infine, sono inseriti fra le categorie escluse dal divieto di circolazione, anche i veicoli di cittadini pensionati che rientrano in bassa fascia di reddito (ISEE inferiore a 16.700 euro).

Tratto da: L'Arena - cronaca- pag. 7

Data: 16/10/2017