SANTO STEFANO. Tommasi di Verona Civica

«Deve servire per la mobilità locale Vanno coinvolte anche le scuole».

La zona tra ponte Pietra, Santo Stefano e San Giorgio in queste settimane è stata rivitalizzata anche dai mercatini di Natale. E la salita a Castel San Pietro con la funicolare attira visitatori. Per il consigliere comunale di Verona Civica Tommaso Ferrari andrebbe però sfruttata meglio.«È tempo di ripensare le funzioni e il volto che vogliamo dare alla funicolare considerando che la concessione di Agec andrà in scadenza con la fine dell’anno», dice Ferrari. «Nella proroga che il Comune darà nuovamente in mano ad Agec, riteniamo si debba ridisegnare il tariffario e coinvolgere anche il mondo della scuola e quello dell’università. In particolare, per valorizzare questo patrimonio, spingeremo perché venga ripensato il tariffario, ritagliandolo anche sulle esigenze dei residenti, prevedendo la possibilità di acquisto di singoli biglietti (solo andata o solo ritorno) e studiando sconti legati all’acquisto di un carnet di 10 biglietti. Il tutto per favorire i veronesi che vogliono utilizzare la funicolare come mezzo di mobilità locale. Oltre a ideare programmi culturali che potrebbero rendere attivo lo spazio vicino alla terrazza panoramica di Castel San Pietro, vanno potenziati anche i servizi accessori, coinvolgendo nell’attività di accoglienza turistica gli studenti delle scuole superiori, attivando percorsi di alternanza scuola-lavoro, ma anche i ragazzi che frequentano l’università con formule di stage e tirocini».

Tratto da: L'Arena - cronaca- pag. 17

Data: 30/11/2017