I ragazzi indossano una maglietta verde FOTO MARCHIORI

Saranno a Porta Nuova e in centro in due turni giornalieri. Salandini (Ctg): «È un modo per mettersi alla prova e di stare a contatto con il pubblico»

Maglietta di un ben visibile e vivace verde mela e un bagaglio di informazioni su attrazioni turistiche di città e provincia da dispensare ai turisti oltre che in italiano anche in inglese, tedesco e spagnolo. Sono questi gli ingredienti salienti dell’estate per i 51 studenti, dai 16 ai 18 anni circa, che parteciperanno al progetto di alternanza scuola-lavoro «On the road».Da domani e fino alla prima settimana di settembre compresa, due ragazzi per volta alla stazione di Porta Nuova e all’angolo tra via Mazzini e via Cappello, si alterneranno divisi in due turni giornalieri per fornire a visitatori e turisti informazioni e indicazioni con un orario che va dal mattino alle 8.30 fino alle 18.30. E i giovani informatori saranno ovviamente accompagnati dall’ormai noto baldacchino a pedali che espone gli opsucoli a disposizione dei turisti. Carretto che, per il primo anno, grazie a un contributo elargito dalla Camera di Commercio, sarà a pedalata assistita.L’iniziativa, giunta quest’anno a festeggiare la «maggiore età» e i 18 anni di attività, è organizzata dal Ctg che nei mesi scorsi ha svolto con i ragazzi un percorso formativo sia su un ripasso generale delle lingue straniere studiate a scuola, sia sulle principali nozioni circa le maggiori attrattività del territorio: non solo del centro ma anche delle zone del Garda e della provincia.Il progetto di alternanza scuola-lavoro, promossa dal Comune con il sostegno di Camera di Commercio e Funivie Malcesine Monte Baldo, ha coinvolto quest’anno nove istituti superiori del territorio che nel dettaglio sono Lavinia Mondin, Galileo Galilei, Agli Angeli, Fracastoro, Messedaglia, Marco Polo, Pindemonte, Einaudi, Copernico-Pasoli. Una delegazione di questi ragazzi è stata accolta ieri mattina in Sala Arazzi dall’assessore alle Politiche giovanili Francesca Briani che, insieme al presidente nazionale e provinciale del Ctg Fabio Salandini e al coordinatore del progetto Michele Marafioti, ha augurato loro «buon lavoro». E spiega: «Per i ragazzi non è solo un modo per acquisire crediti ma soprattutto l’opportunità di mettersi alla prova, svolgendo un’esperienza a contatto con il pubblico e sperimentando quanto appreso. Allo stesso tempo per i turisti è una piacevole sorpresa incontrare dei giovani sorridenti direttamente nei punti più frequentati e ricevere da loro preziose informazioni. Ormai la nostra è una città turistica a tutto tondo: non abbiamo più periodi di bassa stagione ma solo alta o altissima». «Si tratta di un progetto che sta facendo scuola a livello nazionale», ha aggiunto Salandini.«Come Iat abbiamo rifornito i carrelli con delle mappe della città e degli opuscoli guida in varie lingue tra cui anche il russo», hanno aggiunto le responsabili dello Iat di Verona Elena Baroni e Letizia Covelli.

Tratto da: L'Arena - cronaca- pag. 18

Data: 14/06/2018