TRADIZIONE. Domenica in Gran Guardia sono invitati grandi e piccoli
Bertacco: «È una celebrazione a persone in grado di garantire un social welfare parallelo alle famiglie »Per tutto ottobre numerose iniziative nei quartieriLa presentazione della Festa dei nonni in comune con l’assessore Bertacco
«Più che festa mi piace chiamarla la celebrazione dei nonni, in grado di garantire un social welfare parallelo alle famiglie, davvero prezioso in tempo di crisi».
È così che l’assessore ai servizi sociali Stefano Bertacco annuncia la tradizione «Festa dei nonni» che, il primo ottobre, rallegrerà la Gran Guardia con animazioni, acrobati e una serie di laboratori per i più piccoli, oltre a un gran ballo per chi invece è più attempato.
I festeggiamenti dureranno molto più a lungo, con eventi che si susseguiranno nei quartieri per tutto ottobre.«La giornata ufficiale dedicata ai nonni sarebbe il 2 ottobre, ma abbiamo voluto anticiparla a domenica per riservare il massimo di tranquillità alle attività e al divertimento», spiega Bertacco.
Il “la” all’evento verrà dato alle 10 con uno spettacolo di arte circense seguito, alle 11, da film di animazione a misura dei più piccoli. Fino alle 12.30, e poi di nuovo dalle 15 alle 19, al piano nobile dello storico edificio si alterneranno laboratori per creare casette per gli uccellini o piccoli oggetti, spettacoli di burattini e, alle 16, un concerto. Mentre i giovani dell’Istituto salesiano San Zeno immortaleranno, con foto ricordo, il rapporto tra generazioni diverse.
Nonni e nonne avranno la possibilità misurare la pressione o sperimentare manovre salvavita per i piccoli, ricevendo in generale informazioni sui corretti stili di vita. Acque Veronesi metterà a disposizione acqua con o senza bollicine. L’Atv il primo ottobre farà inoltre salire gratuitamente a bordo dei mezzi urbani chi ha più di 65 anni.Con i suoi 85 anni Giannantonio Bresciani parla a nome dei centri anziani protagonisti nel quartiere. «I nonni sono un baluardo nella difesa di quei valori antichi che custodiscono gelosamente sia per i loro figli che per i nipoti», sostiene convinto. «Il mio appello è di promuovere sempre di più i colloqui tra nonni e bambini anche nei centri per gli anziani».Pronti a infilare le scarpe da festa per il gran ballo delle 20.30 in Gran Guardia, nonni e nonne verranno poi festeggiati nei centri anziani del territorio per tutto il mese. Il 26 a Casa Serena, a San Michele, la Pia Opera Ciccarelli illustrerà anche un audiolibro di ricette realizzato con i bimbi delle elementari Manzoni e i disabili di Luce e Lavoro. Il 2 ottobre, infine, anche lo spazio famiglie di Corte Molon proporrà laboratori e letture e una pomeridiana conferenza per genitori e nonni.Chiara Bazzanella

gently

Membro della redazione

Ultimi articoli di gently (Leggi tutti)

Tratto da: L'Arena giornale di Verona

Data: 23/09/2017

Note: Sezione “Cronaca”Da pag. 21