L’EVENTO. Auto ferme domenica, la città vive di manifestazioni

La concomitanza con due celebrazioni diventa il fulcro della quarta data a motori spenti Segala: «Le opportunità sono state moltiplicate»
Domenica senza le auto nella Ztl «allargata». Ma il «Mobility Day», quarto della serie di sei, quanto a possibilità di movimento alternativo, offre un affollato calendario di iniziative, tra cultura e sensibilizzazione ecologica. «Abbiamo fatto tesoro, come era stato annunciato, dell’esperienza delle precedenti giornate», conferma l’assessore alla Viabilità, Luca Zanotto. «L’obiettivo infatti non era limitato all’effetto benefico del fermo dei veicoli ma mirava a innescare comportamenti e modi di vivere la città validi ogni giorno, tutto l’anno».DATE SIMBOLICHE. Il fulcro delle iniziative poggia su due date più che simboliche e internazionali, la Giornata dell’Acqua, che verrà celebrata domenica e l’Ora della Terra, che sabato vedrà una serie di iniziative di sensibilizzazione. Con un richiamo a quella che, secondo Averardo Amadio, «decano» del Wwf veronse, «è un’emergenza ambientale ormai planetaria che richiede, oggi, l’impegno di tutti e un cambiamento degli stili di vita, all’insegna della sobrietà». E con un invito al Comune affinchè la quota di raccolta differenziata sia «elevata dal 50 per cento attuale al 75». «L’amministrazione si è impegnata raggiungere quota 65», commenta Ilaria Segala, «comunque un passo avanti in questa direzione».BIODIVERSITÀ. Due giornate comunque all’insegna dell’ambiente. Domenica, dalle 11, alla fattoria didattica al Giarol Grande (in via Belluno 26) saranno i Carabinieri Forestali del Centro nazionale per la biodiversità di Peri a rendere concreto un segno di attenzione verso l’ambiente con l’iniziativa «Bosco per il pianeta». «Saranno piantumate 230 piante», spiegano il maresciallo Paolo Beltrame e la collega Silvia Weiffsteiner, «perché portare il verde in città, con quelle che definiamo “bombe di semi”, è un’arma vincente per ridare ossigeno a questo nostro pianeta».ARTE IN CITTÀ. «Le iniziative culturali e ambientali si moltiplicano grazie alla concomitanza del Mobility Day con la Giornata mondiale dell’Acqua», commenta l’assessore all’Ambiente, Ilaria Segala. E sul fronte della conoscenza del patrimonio artistico della città riprende la «camminata» insieme con la direttrice dei musei veronese, Francesca Rossi. «Insieme», spiega la funzionaria Antonella Arzone, «condurremo i cittadini lungo un percorso alla scoperta dell’opera di Giovan Francesco Caroto». Iniziativa che ha già raccolto diverse adesioni e che si snoderà tra Castelvecchio, il museo degli affreschi «Cavalcaselle» alla Tomba di Giulietta e quello archeologico al Teatro Romano. In programma vi è anche, nel prossimo futuro, una mostra dedicata all’artista rinascimentale, le cui opere figuravano nel bottino, fortunatamente e avventurosamente tornato «a casa», dopo il furto di quasi due anni e mezzo fa. «E se di ecologia si parla, nulla di meglio di una passeggiata a tappe attraverso la città».LE STORIE DELL’ACQUA. Un fiume virtuale, nella domenica che è anche la Giornata mondiale dell’acqua, attraverserà piazza Erbe, una sorta di narrazione storica e tecnica per raccontare ciò che sta dietro le quinte della fruibilità pubblica dell’elemento più indispensabile alla vita. «Grazie anche a iniziative come queste la sensibilità e l’attenzione verso i temi ambientali e idrici sono notevolmente migliorate», spiega Paola Briani, consigliuere di amministrazione di Acque Veronesi. «È cresciuta la consapevolezza di come questa risorsa non sia illimitata e di come, solo attraverso un uso consapevole e responsabile, sarà possibile preservarla per le future generazioni».In campo nella giornata «Mobility» anche Agsm che, spiega il consigliere di amministrazione Francesca Vanzo, «sarà impegnata, oltre che nell’attività ludica rivolta alle fonti rinnovabili, anche nell’informazione al pubblico sul passaggio al mercato libero dell’energia».IN BICICLETTA. Vecchia e storica pellicola di Vittorio De Sica. «Ma i ladri di biciclette sono sempre in azione», spiega Giorgio Migliorini, per la Fiab Verona. Unico deterrente, «a parte l’acquisto di solidi lucchetti», rimane il servizio di punzonatura con il codice fiscale del proprietario, in collaborazione con il Comando della Polizia municipale. «Un modo piuttosto semplice per scoraggiare i furti e contrastare il mercato della ricettazione». Il servizio, domenica in piazza Erbe, sarà disponibile dalle 10 alle 13. «L’importante», dice Migliorini, «è portare la bicicletta. Uno scherzo? No qualcuno in passato ci ha chiesto se la doveva portare…». Beata eco-ingenuità.

Tratto da: l'Arena - cronaca - pag. 15

Data: 23/03/2018

Note: PAOLO MOZZO