image
SOMMACAMPAGNA. Importante riconoscimento dai beni culturali.
Le iniziative a Custoza entrano nel calendario Ue
Il 24 e il 25 settembre eventi con teatro e mostra.
Sommacampagna perla europea. Il Comune sulle colline moreniche è stato inserito nel calendario delle Giornate europee del patrimonio in programma il 24 e 25 settembre. «Si tratta di un’iniziativa simile a quella delle giornate del Fai (Fondo italiano per l’ambiente), ma promossa dal Ministero dei beni culturali. Rientra in un programma europeo per il quale ogni Stato membro partecipa organizzando manifestazioni culturali per valorizzare il patrimonio storico artistico», spiega il consigliere comunale delegato alla promozione del territorio Eleonora Principe. «Prevede un calendario di iniziative lanciate nello stesso giorno in tutta Italia. Ogni Regione propone le sue manifestazioni e per Verona siamo presenti noi». Sommacampagna metterà in scena lo spettacolo teatrale del giornalista Mauro Neri, «Custoza 1866. Le battaglie di Edmondo». La pièce è la lettura di un romanzo ispirato ai fatti del 1866 e sarà ospitato il 24 settembre nella sala polivalente di Caselle alle 21. Parteciperà con l’autore, il coro alpino La Preàra di Caprino. L’Ingresso è gratuito. Il 24 e 25 settembre vi saranno abbinate anche le visite guidate alla mostra a villa Venier «Il giorno della gran battaglia», allestita per il cartellone «Accade per l’Italia tra i nostri colli», e a cura dello storico Carlo Saletti per la direzione artistica di Roberto Solieri. La mostra, accompagnata anche da una sezione per la quale sono state coinvolte le scuole, sarà aperta il 24 e 25 dalle 9.30 alle 12.30 e dalle 15.30 alle 19.30. Negli stessi giorni e allo stesso orario, con termine però alle 18.30, si farà tappa anche all’Ossario dove è stata ultimata la sala multimediale che ricostruisce la storia della battaglia di Custoza del 24 giugno 1866. L’inserimento nelle giornate europee è un tassello che si aggiunge al folto cartellone «Accadde per l’Italia», inaugurato a marzo con la proiezione del film Senso di Luchino Visconti, per ricordare appunto i 150 anni della battaglia di Custoza, sconfitta dell’esercito italiano, ma primo atto della Terza guerra d’indipendenza che portò nell’ottobre dello stesso anno all’annessione del Veneto all’Italia. Il cartellone passato per il concerto di giugno all’Ossario, l’allestimento della mostra a villa Venier e un ciclo di convegni e incontri, terminerà a settembre con le ultime due conferenze in municipio alle 21: il 13, Valentia Catania parlerà delle donne nel Risorgimento. Il 27, Archeonaute e Osteoarc parlerà della catalogazione digitale e della ricerca scientifica sui campi di battaglia risorgimentali, illustrando anche i risultati della ricerca effettuata su alcuni crani dell’Ossario di Custoza che custodisce le spoglie dei soldati di tutti gli eserciti scontratisi durante le battaglie del 1848 e del 1866 sulle colline circostanti. oM.V. A.

 NULL

Tratto da: L'Arena, IL GIORNALE DI VERONA - provincia- pag.37

Data: 1/09/2016

Note: oM.V. A. FOTO PECORA