La deposizione della corona davanti al monumento

LA CERIMONIA. Al monumento a Borgo Trento
Il vicesindaco Zanotto: «L’anno prossimo ci siano gli studenti»

Alla cerimonia per il Comune ha partecipato l’assessore Zanotto
Verona ricorda il sacrificio di Carlo Ederle. «Auspico che il prossimo anno, davanti a questo monumento, ci siano molti giovani e studenti veronesi perché il ricordo è lo strumento per tramandare alle nuove generazioni i valori dei nostri eroi, dai quali trarre esempio nella vita quotidiana».Nel giorno in cui la città ha ricordato la morte della medaglia d’oro al valor militare Carlo Ederle, il vicesindaco Luca Zanotto ha lanciato una sfida, far partecipare i giovani e in particolare gli studenti alla cerimonia dedicata ad Ederle, perché vedano coi loro occhi ciò che è scritto sui libri di storia.«La scuola e le istituzioni hanno il dovere di mantenere viva la memoria e il ricordo dei nostri eroi», ha detto Zanotto durante la cerimonia di ieri mattina in via Anzani. «Carlo Ederle», ha aggiunto il vicesindaco, «è stato un eroe di tutti i giorni, per tutti i giorni, nelle piccole azioni quotidiane come nelle grandi imprese, che lo hanno reso quella straordinaria figura che oggi celebriamo. I nostri ragazzi sono bersagliati da messaggi che mitizzano falsi eroismi, quando invece i veri eroi li abbiamo in casa, nelle vicende della nostra storia cittadina. Ecco perché l’Amministrazione», ha sottolineato Zanotto, «si impegna, in collaborazione con la Circoscrizione e le scuole, a rendere questa cerimonia un momento partecipato e sentito dagli studenti».Zanotto ha concluso il suo intervento ringraziando la Fondazione Ederle e le Associazioni d’Arma «per la costanza con cui tengono vivi i valori di quegli eroi che, come Ederle, furono e sono per tutti noi esempio ineguagliabile di amore per la patria e senso del dovere».La cerimonia per il 102esimo anniversario della morte di Ederle, avvenuta il 4 dicembre 1917, è stata celebrata davanti al monumento a lui dedicato che si trova nella piazzola all’incrocio tra via Ederle e via Anzani, in Borgo Trento.Oltre al vicesindaco Zanotto alla cerimonia commemorativa hanno partecipato il presidente dell’Associazione nazionale Artiglieri, sezione di Verona, Giuseppe Fratton, il colonnello Luca Fontana per il Comfoter di Supporto, il presidente della Fondazione Medaglia d’oro alla memoria Carlo Ederle, Giuseppe Ederle e il presidente della seconda Circoscrizione Elisa Dalle Pezze.Maggiore d’artiglieria, Carlo Ederle, fu stroncato da una pallottola di mitragliatrice a Zenson del Piave (Treviso) il 4 dicembre 1917. Aveva solo 25 anni e il 23 gennaio 1918 fu insignito dal Re Vittorio Emanuele III di medaglia d’oro al valor militare.

Tratto da: L'Arena - cronaca- pag. 25

Data: 5/12/2019