Teatro Impiria in "Bon Mariage"

Far sì che il teatro arrivi sotto casa e sia a portata di tutti, anche di coloro che non possono spostarsi. È in quest’ottica che torna la tradizionale rassegna «Il teatro nei quartieri», otto spettacoli ad ingresso gratuito, uno per circoscrizione. Il primo appuntamento stasera al teatro Camploy: la compagnia Il Mosaico porterà in scena “Il malato immaginario”. Seguiranno l’8 novembre, nella sala Virgo Carmeli alle Golosine, “Veronesi tuti mati” di David Conati, Marco Pasetto e Giordano Bruno Tedeschi e il 29 novembre, alla Gran Guardia, “Il ventaglio” de La Barcaccia. Il 6 dicembre, al teatro San Domenico Savio in Borgo Milano “Sfrattati” di Rozzi&Ruzzenenti; il 10 gennaio, al teatro Steeb a San Michele extra, con “Tutti al mare” di Polvere magica; il 14 febbraio, al teatro Aurora di Borgo Venezia, con “Bon Mariage” di Teatro Impiria. Gli ultimi due appuntamenti saranno il 27 marzo, al teatro David di Cadidavid, con “Furiosa” di Ippogrifo Produzioni e, infine, il 3 aprile al circolo I Maggio di Montorio, con “Preti avvocati dottori peste e così sia” di Cantieri invisibili.L’iniziativa è promossa dall’assessorato al Decentramento del Comune. La direzione artistica è affidata all’associazione Teatro Impiria/Modus. La rassegna è stata presentata dall’assessore al Decentramento Marco Padovani: «Al via una nuova edizione ricca di proposte di qualità che soddisferanno i gusti del pubblico. Si tratta di un’iniziativa che riscuote sempre un grande successo, proprio perché va incontro alla cittadinanza, portando il teatro nei quartieri, abbinandolo alla solidarietà e al coinvolgimento delle associazioni del territorio». Ad ogni serata, infatti, sarà presente una onlus veronese che presenterà i propri progetti.

Tratto da: L'Arena - cultura . pag.52

Data: 18/10/2019