La denuncia della sinistra: «Se fosse stato un bianco, non lo avrebbero sanzionato».
di Lillo Aldegheri
VERONA Puliva il marciapiedi, in via XXIV Maggio, raccoglieva rifiuti e porcherie varie per metterli negli appositi sacchi e portarli al più vicino cassonetto: per questo motivo, anziché ringraziarlo gli hanno dato una multa di 100 euro. A denunciare l’episodio è Giorgio Gabanizza, storico leader della sinistra veronese, che abita proprio in quella zona. Gabanizza racconta che l’uomo, residente a Verona e proveniente dalla Nigeria, ogni mattina, dalle 8 alle 13, armato di spazzoloni, palette e sacchetti neri, ripuliva quel marciapiede. Giorni addietro, però, ecco arrivare un vigile urbano, con penna e blocchetto per le multe. Immediato il verbale, su cui il vigile ha cancellato la cifra prestampata di 50 euro, raddoppiandola a penna e portandola a 100. Motivazioni, il «pulitore» volontario avrebbe «impedito l’accesso» al marciapiedi e avrebbe «svolto azioni di accattonaggio».
Gabanizza, assieme a molti altri residenti, è pronto invece a testimoniare che l’uomo non ostruiva un bel niente. E quanto ai soldi, un cartoncino piegato e appoggiato al muro spiegava che per fare quel lavoro venivano acquistati spazzoloni, sacchi per l’immondizia, palette e scope, ragion per cui ringraziava chi eventualmente volesse «aiutare questo lavoro volontario lasciando un centesimo». Gabanizza ricorda che molte associazioni lavorano meritoriamente, e volontariamente, per ripulire zone della città, e chiede al sindaco Federico Soarina se sia meglio tenere quel marciapiedi sporco e magari anche maleodorante per la pupù non raccolta di molti cani, o se sia preferibile una pulizia regolare e volontaria del marciapiedi stesso. Con un’ultima domanda maliziosa: «Forse non c’entra nulla, ma se a fare quel lavoro fosse stato un residente con la pelle bianca, sarebbe successo quello che è successo?»

Tratto da: corrire del veneto

Data: 31/08/2018