Miscellanea

A lezione di civiltà con gli angeli del bello

L'Arena, IL GIORNALE DI VERONA -cronaca pag. 15 30/05/2017 I.N. -

AMBIENTE. L'associazione di volontari per riqualificare le zone urbane
Quest'anno hanno già svolto 1.200 ore di lavoro per pulire aiuole, cancellare scritte e togliere adesivi
In meno di un anno hanno svolto oltre 1.200 ore di volontariato, restituendo giorno dopo giorno una città migliore, più curata e ordinata. Dal parco delle Colombare alla zona di Santo Stefano, ponte Pietra compreso, da San Giorgio al Tempio Votivo, dalla galleria Embassy a Veronetta e fin nel cuore della città antica nei giardini di piazzetta San Nicolò, gli Angeli del Bello sono impegnati a ripulire gli spazi pubblici da scritte, erbacce, rifiuti e segni d'inciviltà, come gli adesivi incollati a decine sui pali segnaletici.E, da oggi, saranno ancora più presenti sul territorio, scuole comprese. Ieri mattina in sala Arazzi è stato firmato il rinnovo del protocollo d'intesa tra Comune, Agsm, Amia e l'associazione Angeli del Bello per il progetto di collaborazione nell'ambito del mantenimento e la cura di parchi, giardini ed arredo urbano. E anche delle scuole, dove genitori e alunni, ribattezzati per l'occasione Angioletti del bello, lavorano insieme a piccoli interventi di manutenzione delle strutture scolastiche.Grazie a questa sinergia tra cittadini, Comune e partecipate, l'ambito di azione è stato esteso. Da oggi, un altro luogo in cui questi «cittadini volontari» saranno periodicamente impegnati sono le Arche Scaligere, dove provvederanno a tagliare le erbacce e a raccogliere rifiuti. A breve, li vedremo inoltre su un'Ape dell'Amia, riverniciata con i colori dell'associazione.L'obiettivo degli Angeli del Bello, oltre che operativo, è anche simbolico e vuole essere d'esempio. «Ci piacerebbe incidere sul rapporto tra cittadino e città. Far passare il messaggio che le cose pubbliche sono di tutti ed è bene che ciascuno se ne curi», spiega Stefano Dindo, presidente degli Angeli del bello. Come? Innanzitutto evitando di sporcare e imbrattare, dando maggiori segnali di civiltà. «E poi dando una mano, ciascuno come può. Siamo sempre alla ricerca di nuovi volontari, persone che abbiano voglia di entrare in quest'ottica di impegno civile».L'operato degli Angeli è una piccola goccia nell'acqua che però genera cerchi che si allargano. All'intervento in piazza San Nicolò, dove qualche settimana fa i volontari hanno ripulito dalle scritte imbrattanti il monumento di Bogoni e impreziosito le aiuole con dei fiori, ad esempio, è seguita una donazione spontanea da parte di un residente della zona per la manutenzione e il miglioramento dei giardinetti. Il progetto ora è al vaglio degli uffici comunali. «L'augurio è che sempre più cittadini aderiscano. Questa è una lezione di senso civico fondamentale in questo periodo», ha commentato il sindaco Flavio Tosi ringraziando gli Angeli del Bello insieme al presidente dell'Amia Andrea Miglioranzi. Il prossimo progetto, per la fine dell'estate, riguarda il monumento dell'Aquila, al Fenilon tra Golosine e Santa Lucia.I.N.

 

Solo gli utenti loggati possono inviare commenti. registrati/log in



Il sito è promosso dall'Associazione "Abitare Borgo Trento"- onlus ed è sostenuto - come progetto di solidarietà locale - dal Centro Servizi di Volontariato (CSV) di Verona.

Alcune immagini sono tratte da internet, se il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'amministratore che provvederà alla loro rimozione.
I contenuti vengono aggiornati senza alcuna periodicità. Questo sito non va dunque considerato un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7/03/2001

facebook

Cookie Policy - Privacy Policy
12 Novembre 2009 BORGO TRENTO - Verona