Promotori del Bondola Day e Angeli del Bello

 

BORGO TRENTO. Ricavato del Bondola Day all’associazione di volontari
Gli Angeli del Bello: «Intervenire in piazza Vittorio Veneto è rischioso, e serviranno più soldi»

Rievocare lo stile tipico dei “paninari” e confermare insieme il proprio amore per il territorio. È questo lo spirito con cui, lo scorso ottobre, è andata in scena la seconda edizione del “Bondola Day”. La manifestazione, oltre a estendersi da via IV Novembre fino a piazza Vittorio Veneto, ha scelto anche di riservare una parte del ricavato agli Angeli del Bello, i cittadini volontari che da qualche anno si occupano di riqualificare strade e piazze di Verona, cancellando scritte e scarabocchi dai muri o sistemando manufatti e arredi.Ieri Federico Antolini, il presidente dell’associazione On Music che ha organizzato l’evento, ha staccato un assegno di mille euro, consegnato al presidente degli Angeli, Stefano Dindo. L’intervento intercettato come prioritario per Borgo Trento sarebbe il restauro della fontana in piazza Vittorio Veneto che, pur essendo tutto sommato recente, realizzata negli anni ’70, risulta “invecchiata precocemente”, fortemente compromessa sia dal punto di vista strutturale che idraulico.«Possiamo provvedere alla pulizia della parte circostante, ma mettere mano alla fontana è rischioso, trattandosi di un monumento dalla staticità vacillante», dice l’architetto dell’associazione, Aldo Allegretto. «Piuttosto ci impegniamo a proporre la riqualificazione al Comune, anche perché serviranno ben più di mille euro per intervenire».«Il fatto di essere riusciti a mobilitare dei giovani è già un grande traguardo», evidenzia Dindo. «Creeremo gruppi di lavoro per monitorare gli arredi della piazza, come già facciamo in altre zone. Intanto inizieremo subito a cercare di far sparire qualche tag e scritta imbrattante da pali e cassette della posta in via IV Novembre».Il prossimo Bondola Day, promosso in prima battuta dall’allora assessore al tempo libero, Alberto Bozza, che ancora lo supporta con la vicepresidente della seconda circoscrizione, Patrizia De Nardi, ambisce a fare le cose ancora più in grande. Annuncia Antonilini: «Questa volta abbiamo coinvolto 9 esercizi commerciali, e il ricavato solidale lo si deve in particolare all’Offline, al bar Rosso e alla gelateria italiana. L’obiettivo è cercare gradualmente di arrivare a tutto il quartiere».

Tratto da: L'Arena - cronaca- pag. 17

Data: 13/02/2019

Note: C.Bazz. - foto Marchiori