image

BORGO TRENTO. Finiti i lavori di sistemazione di piazza Vittorio Veneto, inaugurata ieri alla presenza del sindaco
Un restauro semplice, dai costi contenuti (350 mila euro) che ha puntato sulla pietra di Prun. E la Lega interviene organizzando una raccolta di firme a difesa del crocifisso

L’Arena

IL GIORNALE DI VERONA

Lunedì 23 Novembre 2009 CRONACA Pagina 9

BORGO TRENTO. Finiti i lavori di sistemazione di piazza Vittorio Veneto, inaugurata ieri alla presenza del sindaco

Un restauro semplice, dai costi contenuti (350 mila euro) che ha puntato sulla pietra di Prun. E la Lega interviene organizzando una raccolta di firme a difesa del crocifisso

 

 

Il nuovo look di piazza Vittorio Veneto, inaugurata ieri mattina alle 11 davanti a tantissimi residenti che hanno voluto essere presenti al momento del taglio del nastro del nuovo spazio urbano appena riqualificato, piace molto ai veronesi. È stato infatti un coro unanime di lode e ringraziamenti quello che ha accolto il sindaco Flavio Tosi e l’assessore ai Giardini Paolo Tosato, ma anche gli altri assessori comunali e i molti consiglieri che sono intervenuti alla manifestazione. Gli abitanti di Borgo Trento hanno espresso soddisfazione per un lavoro che ha ridato alla piazza non soltanto un aspetto più elegante e razionale, ma ha anche di fatto eliminato alcune situazioni (i molti buchi che avevano rovinato l’asfalto del piazzale, le panchine vecchie e sconnesse) giu dicate pericolose e poco invitanti alla frequentazione.

E infatti l’arrivo del sindaco, alle 11, è stato salutato con un applauso. A spiegare le scelte operate è stato quindi Tosato, che ha ricordato come i lavori, partiti a maggio e conclusi nei primi giorni di novembre, siano stati realizzati secondo un restauro semplice, anche per contenere la spesa (350 mila euro), con l’obiettivo di sostituire una pavimentazione fortemente degradata, scegliendo la pietra di Prun anziché l’asfalto per la parte interna del giardino (come ha aggiunto Tosi, la scelta della pietra di Prun è stata anche dettata dalla volontà di sostenere l’economia locale), mentre l’asfalto è rimasto nei marciapiedi circostanti; sono stati rifatti i muretti che erano in vari punti ormai rotti. E un cartello all’interno del giardino mostra, con tre immagini emblematiche, il «prima» e il «dopo» di piazza Vittorio Veneto.

Il risultato è molto luminoso, tanto che la piazza, come hanno convenuto in molti,! così pare più ampia. Un appunto però lo ha sollevato il consigliere Lucia Cametti, in passato, prima dell’attuale Alberto Bozza, presidente della seconda circoscrizione. «È un bellissimo lavoro», ha convenuto, «ma forse potevano essere ampliate le aree verdi, scegliendo una progettazione articolata lungo sentierini, come si fa nella maggior parte dei giardini oggi. Considerato che qui vengono molti anziani, penso che in estate tutta questa pietra sarà molto calda e l’insieme poco ospitale: insomma bello, ma poco vivibile».

A proposito di verde, ieri Tosato ha annunciato tra i prossimi lavori la riqualificazione delle aree verdi esterne all’Arsenale, intorno alla vasca e nel giardino circostante, dove sarà tolto l’asfalto e saranno creati percorsi in stabilizzato. Alcuni residenti hanno poi colto l’occasione per ricordarre all’assessore Tosato il problema di via 24 Maggio, dove l’illuminazione, a causa degli alberi, è scarsa, e la sera c’è chi ha timore ad uscire perché i marciapiedi non risultano illuminati. Tosato ha confermato di avere già previsto per oggi un sopralluogo per vedere quale soluzione si possa trovare.

Approfittando dell’evento, un gruppo di militanti della Lega ha sistemato sulla piazza un banchetto per raccogliere firma a difesa del crocifisso nelle aule di scuola.

 

Tratto da: NULL

Note: NULL