BATTAGLIA DELLE BUCHE. Cantieri aperti e modifiche alla viabilità per sistemare le arterie dal fondo più «massacrato»
Padovani: «Cerchiamo di andare veloci, qualche disagio sarà comunque inevitabile» Porta San Giorgio: tutto normale dopo le criticità per l’intervento di Acque Veronesi.
Il Comune ha dichiarato guerra alle buche e ha approvato opere stradali per tre milioni di euro. Di una parte stiamo vedendo i frutti in questa estate di cantieri. Come non se ne vedevano da anni, in città. Ieri è cominciata la manutenzione di via IV Novembre. Un intervento di 120mila euro finanziato col denaro recuperato dalla cancellazione del project financing dell’Arsenale. «Durerà dieci anni, forse di più» commentava l’assessore Marco Padovani, in sopralluogo con i tecnici del settore Strade. Infatti sotto uno strato di sette centimetri di asfalto viene posizionata per la prima volta una speciale guaina «antipumping» che impedisce all’acqua piovana di penetrare nel sottofondo ed evita crepe in superficie. La stessa tecnica adoperata in via Mameli (riaperta al traffico mercoledì) e prossimamente nelle altre arterie nevralgiche della città. Una su tutte corso Porta Nuova, dove il restyling comincia martedì 24. «Punti particolarmente sollecitati dal traffico e dal passaggio degli autobus avranno una tenuta maggiore, almeno il doppio del tempo» spiegava Padovani. Con lui, la presidente della Seconda circoscrizione Elisa Dalle Pezze (Pd) e i consiglieri del parlamentino Massimiliano Barbagallo (Lista Tosi) e Alberto Grigoletti (Lega), coordinatori delle commissioni Lavori Pubblici e Attività economiche. Presente anche la consigliera comunale Paola Bressan, di Battiti. Il cantiere è partito senza intoppi. L’annuncio aveva creato qualche tensione fra i commercianti della via: in 28 avevano lanciato la proposta di posticiparli ad agosto, quando il quartiere si svuota, allegando una raccolta firme. Si era sparsa la voce che la strada sarebbe rimasta chiusa al traffico per dieci giorni, ma Padovani ha fugato i dubbi: intervento in tre «tranche» per non più di una settimana, coi marciapiedi usufruibili e le vie parallele e perpendicolari aperte alla circolazione. «Qualche disagio è inevitabile» ha chiarito l’assessore «ma stiamo cercando di velocizzare i lavori. Già domani (oggi per chi legge, anziché sabato) la prima parte sarà terminata» con la riasfaltatura del tratto da piazza Vittorio Veneto a via Abba. Si continuerà da via Abba a via Isonzo, poi fino all’incrocio con viale Della Repubblica, ed «entro venerdì prossimo la via sembrerà un tavolo da biliardo», ha assicurato Padovani. Intanto il percorso dei bus è deviato su via Todeschini, dove gli stalli bianchi sono preclusi al parcheggio. Sulla stessa via sono state dirottate le due fermate di via IV Novembre vicine all’incrocio con piazza Vittorio Veneto. Le due fermate di via Todeschini all’angolo con viale Della Repubblica sono state spostate in avanti di trenta metri.Il traffico ha retto l’urto del cantiere di Acque Veronesi a Porta San Giorgio. Ieri mattina il divieto di circolazione nel tratto tra via Breccia San Giorgio e l’intersezione con via Mameli ha creato rallentamenti verso Borgo Trento, con la deviazione in via Nievo presidiata dalla Municipale. Nel pomeriggio la viabilità è stata ripristinata.

Tratto da: L'Arena - cronaca- pag. 13

Data: 20/07/2018

Note: Laura Perina - foto Marchiori