Villa Francescatti – L’ostello non si deve chiudere

Ho letto che il Vescovo di Verona dà per fatta la vendita di Villa Francescatti, sede dell’Ostello di Verona. Io mi chiedo se non ha altri immobili da vendere o altri luoghi più adatti come l’ex Seminario di Verona dove mandare la Caritas (per sole 20 persone tra l’altro nelle ultime dichiarazioni), invece di negare ai giovani da tutto il mondo la possibilità di venire a Verona e trovare un posto letto e un punto di riferimento.Io sono molto anziana e queste cose non le capisco proprio. Ma Papa Francesco lo sa di questa idea? Perché io penso che sarebbe della mia stessa opinione. Ho avuto modo di leggere il testamento di Gianna Paganini in Francescatti e non vi è ombra di dubbio che la sua volontà era rivolta ai giovani. Mai avrebbe immaginato che Villa Francescatti potesse andare venduta. Un nobile gesto convertito in vil danaro, per sanare debiti fatti da altri poi.Io mi auguro che il Vescovo, e chi lo consiglia, vogliano ritornare sulla loro posizione, visto che molte altre persone (le firme di diverse petizioni sono proprio tante ma sono state anche rispedite al mittente) in quanto la Chiesa di Verona rischia di fare una pessima figura non solo qui ma all’estero. Altro che città dell’accoglienza e «caritatevole»….Emma Luigina Lenotti VERONA

gently

Membro della redazione

Ultimi articoli di gently (Leggi tutti)

Tratto da: l'Arena Giornale di Verona

Data: 27/12/2017

Note: Lettere a l'Arena