Maria Grazia Scicchinato consegna i tablet per la terapia intensiva di Borgo Trento

SOLIDARIETÀ. Altri cinque dispositivi donati all’ospedale da un centro estetico di Costermano
All’iniziativa hanno aderito clienti e amici. I pazienti in isolamento possono così comunicare con i familiari

Altri cinque tablet donati alla terapia intensiva di Borgo Trento. Il progetto “Mai più soli” nato il mese scorso e ideato da Maria Grazia e Daniela Scicchinato, proprietarie del centro estetico La Plage sito a Costermano, continua a raccogliere adesioni. Grazie al supporto di clienti, amici e parenti, le sorelle Scicchinato hanno consegnato cinque dispositivi per permettere ai pazienti di poter videochiamare i propri cari durante il periodo di ricovero. «Dopo aver consegnato i kit creme mani e viso riparatrici per il personale della terapia intensiva, molte persone ci hanno contattato per partecipare al progetto», racconta emozionata Maria Grazia, «e in meno di due settimane abbiamo raggiunto il budget per procedere con l’acquisto dei dispositivi e in poco tempo sono arrivati». La contitolare del centro estetico di Costermano fa sapere, a tale proposito, di aver contattato la sezione preposta e, nei giorni scorsi, di aver consegnato i tablet al dottor Luca Giobelli, responsabile del Servizio sistemi informatici dell’Azienda ospedaliera universitaria integrata di Verona. Un aiuto e un sopporto concreto, quindi, per gli anziani e le persone in difficoltà che a causa del contagio da coronavirus non possono ricevere le visite dei propri famigliari. «Gli strumenti sono già in uso nei reparti di rianimazione e dedicati alle degenze da Covid-19», conclude Maria Grazia Scicchinato. Che osserva: «Fortunatamente la curva dei contagi è scesa moltissimo in questi ultimi giorni, ma chi si trova ancora ricoverato può beneficiare di questi apparati per sentirsi meno solo e per poter essere in grado di fare un saluto ai propri cari, un’opportunità preziosissima per chi è costretto ad un isolamento totale. Ringrazio», conclude, «tutti coloro che hanno permesso di raggiungere questo obiettivo. Nonostante le difficoltà, abbiamo voluto dare un aiuto a chi si è ammalato».

Tratto da: L'Arena - cronaca- pag. 12

Data: 18/05/2020

Note: Alessandra Marconi