TERZO SETTORE. Il presidente del’Iid Edoardo Patriarca all’università
Grazie ai servizi dell’Istituto Italiano Donazioni
Le associazioni del territorio certificate con il marchio di trasparenza Merita Fiducia, ad oggi 27 di cui dieci con certificazione Plus e 17 Base, hanno l’opportunità di accedere gratuitamente ai servizi elargiti dall’Istituto Italiano Donazioni (Iid). Una preziosa risorsa cui a livello nazionale hanno solitamente accesso solo le grandi associazioni strutturate.L’accordo prevede la possibilità di essere iscritti all’Iid e di venire automaticamente inseriti nella piattaforma «Io dono sicuro». L’Istituto, grazie ai suoi strumenti e alle verifiche annuali, assicura che l’operato delle organizzazioni non profit sia in linea con standard riconosciuti a livello internazionale e risponda a criteri di trasparenza, credibilità e onestà.Aderendo al database, le organizzazioni hanno la possibilità di partecipare agli incontri informativi Iid 2018: dieci appuntamenti sui temi di maggior interesse del settore, accessibili anche in streaming. Inoltre permette di avere accesso esclusivo allo sportello «L’esperto risponde», numerose agevolazioni, sconti e privilegi di attività con partner selezionati e altri vantaggi fino ad ora riservati alle organizzazioni nazionali maggiori, più grandi e strutturate.La convenzione è stata argomentata positivamente dal deputato del Pd, nonché presidente dell’Istituto Italiano Donazioni Edoardo Patriarca, nell’ateneo veronese per partecipare al primo dei tre seminari promossi dalla Fondazione Fevoss Santa Toscana sul tema «Terzo settore: sfide nuove, radici antiche», organizzati dal Dipartimento di Economia aziendale dell’Università in collaborazione con il Centro Servizi per il volontariato (Csv) e l’Associazione diocesana opere assistenziali (Adoa).«Il rapporto con i Csv locali non sono così frequenti e questa sinergia attiva con il Centro veronese rappresenta un’ottima opportunità per noi di essere capillarizzati sul territorio e di raggiungere anche le associazioni più piccole e meno strutturate ma altrettanto fondamentali per il tessuto sociale in cui agiscono», spiega Patriarca. «È un aiuto prezioso per la battaglia culturale sui temi del dono, della trasparenza e della rendicontazione che stiamo portando avanti su più fronti su tutto il territorio nazionale. Un sistema che mi auguro faccia scuola nel Paese».«Fornire alle associazioni con il marchio Merita Fiducia strumenti sempre più efficaci nel loro importante lavoro sul territorio è una priorità per il Csv. Un’opportunità riconosciuta anche dalle associazioni che si stanno avvicinando numerose al percorso di certificazione: quest’anno le realtà che inizieranno l’iter per acquisire il marchio sono dieci, un dato che segna un ottimo incremento rispetto agli anni scorsi», aggiunge Chiara Tommasini, presidente del Csv .L’incontro è stato l’occasione anche per fare il punto sulla riforma del Terzo settore, di cui il deputato Edoardo Patriarca ha seguito l’iter in Parlamento.«Nella riforma la trasparenza assume una rilevanza centrale. Inoltre, è stato riconosciuto come strategico per il Paese il ruolo dei Csv locali: una presenza fondamentale di formazione, consulenza e sostegno al servizio dei volontari. L’iter istituzionale della riforma è solido e ben avviato: non mi aspetto stravolgimenti in seguito alle votazioni politiche del 4 marzo», ha commentato il parlamentare.

questo è il nostro logo

 

Tratto da: l'Arena- cronaca- pag.19

Data: 6/02/2018