A PIEDI, IN BICI, IN BUS. Prima delle sette giornate previste fino a marzo. Replica della prima edizione ma con differenze
Divieto totale entro l’ansa dell’Adige, al di fuori scatta il fermo anche alle auto a benzina e ai motocicli non catalizzati. Parcheggi gratis con bus navetta e una serie di iniziative.

Blocco della polizia locale in occasione di un Mobility Day all’altezza di Porta Nuova, limite della grande Ztl
Simile ma non uguale. La seconda edizione dei Mobility Day che debutta domenica riconferma, spiega l’assessore all’Ambiente Ilaria Segala, «la formula positiva della passata stagione». Con una stretta ulteriore sulla circolazione dei veicoli a motore. L’area urbana nell’ansa dell’Adige (delimitata dalle Porte San Zeno, Palio, Nuova e Breccia Cappuccini) è interdetta dalle 10 alle 19 ai veicoli privati, moto e ciclomotori inclusi.Una restrizione che si estende all’intero territorio comunale con lo stop alla circolazione, spiega il vicesindaco Luca Zanotto, «per le auto di classe “euro 3” o inferiore sia alimentate a gasolio che a benzina». Divieto valido anche per i mezzi a due ruote non catalizzati, i cosiddetti «pre euro». Il Mobility Day, di fatto, sposta più in alto l’asticella delle limitazioni già previste dalla recente ordinanza «antismog», che lascia via libera in tutte le altre giornate alle vetture che siano rifornite a «super» e rientrino almeno nella in categoria «euro 2».SULLA STRADA. I controlli della Polizia municipale, in campo con una cinquantina di agenti, interesseranno sia i varchi verso l’area nell’ansa dell’Adige che, fa sapere il comandante Luigi Altamura, «tutto il territorio comunale, con diverse pattuglie». Verifiche corredate «anche da tanta informazione ai cittadini». Sono previste deroghe: l’elenco è consultabile sul sito internet del Comune (www.comune.verona.it) nella sezione dedicata. «L’obiettivo, in queste giornate, è incoraggiare la mobilità attiva, a piedi, in bicicletta o con il mezzo pubblico», sintetizza Zanotto. La prima domenica, spiega l’assessore alla Cultura, Francesca Briani «sarà ricca di proposte: dai musei, all’ex Arsenale alla Gran Guardia».VERSO IL CENTRO. Per raggiungere il centro è stato potenziato il servizio di collegamento dai parcheggi scambiatori, con sosta gratuita e un potenziale, per la sola zona fieristica, che si aggira intorno ai 4.500 stalli. A disposizione di veronesi e turisti vi saranno il «Centro» all’ex Gasometro (linea 77, ogni dieci minuti dalle 9 alle 19, un euro per andata e ritorno) e le aree a ridosso della Fiera (P3, Re Teodorico e Multipiano), con la navetta «79» che farà la spola verso piazza Bra con una frequenza di cinque minuti. Un solo biglietto, al costo di 1,30 euro, darà diritto a viaggiare per l’intera giornata su tutta la rete urbana. «Uno sforzo che Atv è felice di fare, sperando che il bus divenga, grazie anche a queste iniziative, un mezzo di cui i cittadini possano apprezzare le potenzialità, non solo nei Mobility Day», dice il direttore generale di Atv, Stefano Zaninelli. Anche per chi non usufruisca dei parcheggi l’opzione del mezzo pubblico resterà vantaggiosa: un solo biglietto (acquistato a bordo il costo sale a 2 euro) varrà per tutta la domenica; passaggio gratuito per i ragazzi fino ai 14 anni accompagnati da un maggiorenne. «Importante questa collaborazione con il Comune, poiché consente anche a noi di valutare le potenzialità del sistema di parcheggi e dell’integrazione con il mezzo pubblico», osserva per Veronafiere il direttore delle operazioni, Giorgio Possagno. Formula che, tra poche settimane, sarà ripetuta in occasione dei grandi flussi di traffico prenatalizi.BICI E NON SOLO. Sul piano della «mobilità attiva» entra i gioco anche la Federazione amici della bicicletta (Fiab) veronese. E se l’invito da parte dell’amministrazione è a «riscoprire la città pedalando», l’iniziativa dell’associazione, dalle 10 alle 12 con partecipazione libera, aggiunge un po’ di «pepe». «La nostra proposta», spiega il vicepresidente Giorgio Migliorini, «è un giro ciclistico lungo i bastioni, un modo per scoprire luoghi spesso poco noti e per osservare la città in una veste diversa, senza auto». In calendario anche una manifestazione podistica con fine solidale, partenza in via Verdi alle 9 e costo di partecipazione di 3 euro, a cura dell’associazione Mondo Unito. Un’altra proposta, una sorta di pellegrinaggio urbano, «Rinascere dall’acqua. Verona, al di là del fiume», sarà curata dall’associazione Verona Minor Hierusalem, muovendo da via Sant’Alessio. Dalle 9 alle 18 infine, in Gran Guardia, i centri anziani dei quartieri proporranno laboratori di attività manuali in occasione della «Festa dei nonni». Il Mobility Day, anno secondo, va al debutto: sette domeniche per avviare, dicono dal Comune, «il cambiamento nel modo di vivere e spostarsi attraverso la città»

Tratto da: L'Arena - cronaca- pag. 10

Data: 4/10/2018

Note: Paolo Mozzo