image

ISTRUZIONE. La Regione ha fissato le date del calendario 2017-2018 . Verranno riproposte le «Giornate dello sport».

Termine il 9 giugno, vacanze di Natale dal 23 dicembre al 7 gennaio, ponti per l’ 8 dicembre e il primo maggio.

 

A un mese esatto dalla conclusione di questo anno scolastico, la Regione ha fissato le date di quello 2017-2018. La prima campanella, in Veneto, suonerà mercoledì 13 settembre, l’ultima il 9 giugno 2018.Il calendario scolastico vale per le scuole di ogni ordine e grado, statali e paritarie, mentre le scuole dell’infanzia potranno iniziare le loro attività già ai primi settembre e rimarranno aperte sino al 29 giugno 2018.Oltre alle consuete festività, il calendario scolastico del prossimo anno prevede la chiusura delle scuole nel ponte dell’Immacolata (da venerdì 8 a domenica 10 dicembre), per le vacanze natalizie (da sabato 23 dicembre a domenica 7 gennaio), per le vacanze di carnevale (da lunedì 12 febbraio a mercoledì 14), per le vacanze pasquali (da giovedì 29 marzo a martedì 3 aprile) e per il ponte del Primo maggio (da domenica 29 aprile a martedì primo maggio).Alle scuole restano consentite eventuali modifiche del calendario o sospensioni dell’attività scolastica, in relazione a particolari esigenze ed eventi del territorio o eventuali appuntamenti elettorali che vedano i plessi impegnati nell’ospitare i seggi, ma sempre con il vincolo di garantire i 200 giorni minimi di attività scolastica.Inoltre, vista la positiva esperienza registrata quest’anno, la Regione Veneto ripropone a tutte le scuole del territorio la seconda edizione delle Giornate dello sport, dal 15 al 17 febbraio.«Tutti gli istituti di ogni ordine e grado, dall’infanzia alle scuole secondarie superiore, sia statali che paritarie», sottolinea l’assessore all’istruzione, «avranno così modo di programmare in autonomia attività e iniziative per approfondire l’attività sportiva, offrendo agli studenti la possibilità di conoscere nuove discipline, sperimentare in prima persona la pratica sportiva e vivere il valore educativo dello sport. La giornate dello sport non sono giornate di vacanza, ma di regolare attività scolastica, organizzata in autonomia dai singoli istituti. La Giunta regionale, prosegue l’assessore, stanzierà apposite risorse per sostenere la seconda edizione di questa iniziativa che, tramite l’Ufficio scolastico regionale, ha già ottenuto il plauso e il sostegno del ministero».

Tratto da: L'Arena, IL GIORNALE DI VERONA

Data: 9/05/2017

Note: CRONACA - pag. 17