Auto parcheggiate all'ex caserma Riva di Villasanta, fra San Zeno e ponte Catena

SANITÀ. Il vice presidente del Consiglio veneto Giorgetti: «Mancava questo documento con il nulla osta della politica»
Altri spazi per gli utenti previsti all’ex caserma Riva di Villasanta oltre i 200 stalli per i dipendenti Piano in totale da 1.600 mezzi. Per la prima volta c’è un documento ufficiale sottoscritto dai consiglieri della Regione Veneto che impegna la giunta Zaia a «realizzare la riqualificazione dell’area a parcheggio denominata Caserma Riva di Villasanta», fra San Zeno e ponte Crencano.Stiamo parlando del mai risolto problema dei parcheggi all’ospedale di Borgo Trento. E stiamo dicendo che, dopo che se ne discute da oltre un decennio, l’altro giorno a Venezia è stato messo nero su bianco un ordine del giorno per affrontare il cronico problema dei posti auto all’ospedale maggiore di Verona.A presentarlo è stato il vice presidente dell’assemblea di Palazzo Ferro-Fini Massimo Giorgetti spiegando che «si tratta dell’anello mancante per chiudere il cerchio della parte che compete alla politica, cominciando così a fare qualcosa sul serio: con questo atto il Consiglio invita l’ente proprietario dell’area in via Da Vico, a ridosso dell’Adige, cioè la stessa Regione, ad autorizzare la realizzazione di centinaia di stalli dedicati all’utenza, oltre ai 200 già a disposizione dei dipendenti».Se ne parla da un po’, di portare lì il traffico diretto all’ospedale e, da lì, trasferire la gente in piazzale Stefani con un servizio no stop di navette. «L’area in questione non è vicinissima ma nemmeno tanto lontana», chiosa Giorgetti, «e nel piano generale di riordino della viabilità del quartiere questa soluzione è sicuramente in grado di dare una risposta importante al fabbisogno di spazi dell’azienda ospedaliera. Questo intervento non basterà da solo a coprire la richiesta ma sicuramente è un tassello importante nel piano adottato dall’Aoui per dare una risposta importante all’emergenza parcheggio». A confermarlo è lo stesso direttore generale dell’azienda, Francesco Cobello: «Al momento lì, all’ex caserma di Riva Villasanta, parcheggiano 200 lavoratori ma abbiamo un progetto per crearne altri 400 per il pubblico e l’approvazione di questo ordine del giorno del Consiglio regionale è sicuramente un aiuto per sbloccare il nostro progetto. Abbiamo infatti predisposto un project financing che, attraverso una maxi risistemazione dell’esistente e l’acquisizione di nuove aree, porterà la capienza a 1.600 posti auto». E aggiunge: «Il piano prevede l’abbattimento di alcune opere e, ribadisco, la riorganizzazione generale del sistema della sosta, ma rivedremo anche il verde e l’arredo urbano».«In sintesi il mio Odg votato in Consiglio», continua Giorgetti, «dice che la Giunta deve definire le modalità di concessione dell’area – di cui è proprietaria dopo averla ricevuta dal Demanio in cambio della realizzazione degli alloggi per la Guardia di Finanza alla caserma Martini – all’azienda ospedaliera. Oltre all’ex caserma, poi, bisognerà fare qualche ragionamento anche con il Comune, sempre in ottica di parcheggi, per l’area dell’ex gasometro, 3.570 metri quadrati, e per il fabbricato che ospita al suo interno, alto 2 piani, per altri 180 metri quadrati. Insomma, ricoprendo l’ex caserma Riva di Villasanta un’area di 11.580 metri quadri, stiamo parlando di metrature imponenti a disposizione finalmente degli utenti dell’ospedale».

Tratto da: L'Arena - cronaca- pag. 15

Data: 10/11/2019

Note: Camilla Ferro