VIABILITÀ E TRAFFICO. Il Comune ha stanziato 317mila euro per intervenire sugli attraversamenti ritenuti maggiormente a rischio in tutti i quartieri. Lavori entro l’anno
Luci a led e segnali lampeggianti sulle strisce. Tecnici all’opera anche per il rifacimento della segnaletica orizzontale sbiadita.

Scatta l’operazione sicurezza agli attraversamenti pedonali nei punti più pericolosi per i pedoni e con un piano di rifacimento completo della segnaletica orizzontale in tutti i quartieri cittadini. L’intervento, in entrambi i casi, sarà portato a termine entro la fine dell’anno. Per quanto riguarda gli attraversamenti pedonali messi in cantiere, non si tratterà di semplici strisce bianche sull’asfalto, ma di qualcosa di molto più complesso dal punto di vista tecnologico. I punti di attraversamento saranno infatti segnalati, a livello di pavimentazione stradale, da luci a led in entrambi i sensi di marcia. Inoltre saranno segnalati da cartelli muniti di luci lampeggianti alimentati, a seconda della zona, da piccoli pannelli fotovoltaici o attraverso la rete di illuminazione pubblica.Per l’intera operazione Palazzo Barbieri ha stanziato 317mila euro e i lavori saranno affidati entro quest’anno.«Le posizioni», fa sapere l’assessore a Lavori pubblici e viabilità, Luca Zanotto, «sono state individuate in base ai dati statistici di incindentalità in possesso della polizia municipale, nei punti, cioè, in cui sono avvenuti più frequentemente investimenti di pedoni. Tali posizioni», continua l’assessore, «saranno successivamente verificate ed eventualmente confermate dal Comune». A ulteriore protezione delle persone, a metà carreggiata saranno posizionate isole pedonali in materiale plastico. In tutto gli attraversamenti protetti saranno 18. I primi dieci interventi saranno realizzati in via XX Settembre a Veronetta, in via Mameli a Borgo Trento, in viale Colombo, quartiere Navigatori, in piazzale XXV Aprile alla stazione di Porta Nuova, in via Albere, quartiere Stadio, in corso Milano, in via Mantovana a Santa Lucia, in via Centro a Borgo Roma, in via Unità d’Italia e in via Fincato, in Borgo Venezia.«Gli altri otto impianti», continua Zanotto, «saranno scelti in accordo con le circoscrizioni cittadine che ci segnaleranno le situazioni più critiche sulle quali intervenire». A tale riguardo in municipio è già stato stilato un elenco di strade, ritenute prioritarie, sulle quali ci sarà un confronto con i responsabili dei parlamentini di quartiere. Si tratta di stradone Porta Palio, corso Porta Nuova e Interrato dell’Acqua Morta in prima, via Trento e piazzale Stefani in seconda, viale del Lavoro in quinta, corso Venezia in sesta e via Torbido in settima. «Ovviamente», precisa Zanotto, «queste ultime sono indicazioni perché prima di decidere gli interventi, in sede di progettazione, ci confronteremo con il territorio».SEGNALETICA. Gli operai sono già al lavoro nel quartiere fieristico, intervento ritenuto prioritario in vista del Vinitaly. Per l’opera di manutenzione straordinaria della segnaletica orizzontale il bilancio comunale ha stanziato 300mila euro. «Quotidianamente, per completare i lavori entro settembre, saranno impiegate due squadre di operai» informa Zanotto. Oltre alle righe di delimitazione delle corsie – si è calcolato che sull’intero territorio comunale corrispondono ad almeno un milione e 400mila metri – saranno rifatte anche le strisce pedonali ormai scolorite. La vita media della vernice è di sette, otto mesi e dipende molto dallo stato in cui si trova l’asfalto al momento in cui la si stende. Particolare attenzione sarà posta alla messa in sicurezza dell’incrocio tra via Morgagni e via Torricelli, in Zai, rivelatosi particolarmente pericoloso negli ultimi mesi. Oltre a rafforzare la segnaletica saranno messe due coppie di lampeggianti e bande in materiale plastico sull’asfalto per migliorare la visibilità e la percezione del pericolo.

Tratto da: L'Arena-cronaca- pag.12

Data: 14/03/2018

Note: ENRICO SANTI