image
RIVOLUZIONE VIABILITÀ. Fra un mese in vigore il piano della sosta messo a punto per eliminare il parcheggio selvaggio
Saranno disegnati anche posti bianchi ma con l’obbligo di esporre il disco orario
Permessi per residenti e lavoratori. Ambrosini: «Regolamentazione indispensabile»

Rivoluzione della sosta in quartiere Catena: ora c’è la data. Da lunedì 18 luglio cambia tutto.Nelle otto principali vie della zona – Magellano, De Gama, Da Verrazzano, Mocenigo, Usodimare, Maldonado, Contarini e lungadige Catena – arriveranno 400 stalli blu, cioè a pagamento, di cui 90 gialloblù, ovvero riservati ai residenti dalle 20 alle 8 di mattina. Saranno disegnati anche 270 posti bianchi, quindi gratuiti, ma con l’obbligo di esporre il disco orario e di non occuparli per più di un’ora.Il piano della sosta si accompagnerà alla modifica di alcune direzioni di marcia. Via Contarini diverrà a senso unico verso via Da Verrazzano, e quest’ultima lo diventerà verso via Maldonado. A sua volta, via Maldonado si potrà percorrere unicamente nella direzione di viale Colombo. Queste, in breve, le novità illustrate dall’assessore alla viabilità, Marco Ambrosini, insieme al presidente dell’ente gestore della sosta in strada Amt, Stefano Ederle, e del presidente della terza circoscrizione, Massimo Paci.Il piano della sosta, come spiega lo stesso Ambrosini, «si era reso indispensabile per via delle difficoltà legate alla massiccia presenza di auto in sosta legate al vicino polo ospedaliero. La regolamentazione andrà in favore di residenti e commercianti della zona, che maggiormente risentivano della mancanza di stalli di sosta disponibili».Ederle è sicuro che «gli abitanti vedranno tutelato il proprio quartiere dal parcheggio selvaggio». E ricorda che residenti e dimoranti hanno diritto a lasciare la prima auto in strada gratuitamente. Per un’eventuale seconda vettura sarà necessario un permesso del costo di 18 euro al mese. Permesso può essere richiesto anche da lavoratori, medici di base, attività ricettive, realtà di volontariato e assistenziali. Si può collegarsi alla sezione «shop online» del sito www.amt.it, o rivolgersi allo sportello Permessi di via Campo Marzo.Secondo Paci, «anche i commercianti saranno contenti di vedere garantita una rotazione delle auto sugli stalli bianchi».

VIA CARDUCCI. Ambrosini parla anche di via Carducci, confermando lo stop agli autobus: una sperimentazione iniziata lunedì con l’entrata in vigore dell’orario estivo.«Via Carducci è troppo stretta: quando un autobus incontrava un veicolo ingombrante nel senso di marcia opposto erano dolori. Ecco perché abbiamo preso questa decisione», spiega Ambrosini. «Ma gli automobilisti non si preoccupino: per loro la situazione rimane invariata, mentre abbiamo intenzione di cambiare percorso anche ai taxi, così la corsia preferenziale resterà a disposizione delle biciclette».Ma questa novità, gradita alla prima circoscrizione, si accompagna a un’altra che forse piacerà meno: tornerà il doppio senso in via Seminario, tra vicolo Bogon e via Carducci.

NULL

Tratto da: L'Arena, IL GIORNALE DI VERONA -cronaca pag. 12

Data: 15/06/2016

Note: oL.CO.