Maternità, statua in bronzo all’ingresso del “Polo Confortini”


Borgo Trento, inizialmente nominato Quartiere Trento, è un quartiere di Verona (2^ Circoscrizione)

Il terriorio di Borgo Trento comincia il suo sviluppo a partire dalla metà del XIX secolo quando, durante la dominazione austriaca della città, venne costruito l’Arsenale Austriaco Franz Josef I  circondato poi dagli omonimi giardini,  recentemente riqualificati

Alla fine del XIX secolo, Borgo Trento diventa anche un importante centro del servizio urbano in quanto ingresso in città della Ferrovia Verona-Caprino Veronese e del servizio di omnibus a cavalli, unici collegamenti con il Monte Baldo.

L’Ospedale Civile Maggiore, situato a Nord del quartiere, diede anch’esso un grande contributo al suo sviluppo urbanistico. Nell’area dell’Ospedale Civile è stato inaugurato, nel Novembre 2011, il nuovo Polo chirurgico “P. Confortini” (pioniere dei trapianti renali), una struttura decisamente d’avanguardia e la più grande in Italia. Farà seguito un’altra importante realtà: l’Ospedale della mamma e del bambino
Borgo Trento si erge su un’area pianeggiante accessibile da i Ponti Catena, Risorgimento, Castelvecchio, della Vittoria e Garibaldi. La pianta si dispone principalmente su linee perpendicolari tagliate in obliquo da due strade principali: Via IV Novembre e Via XXIV Maggio che formano una linea retta tra Ponte della Vittoria e l’Ospedale Civile Maggiore e viale della Repubblica che conduce a ponte Risorgimento. Al centro si trova Piazza Vittorio Veneto, recentemente ristrutturata, decorata da una piccola area verde e da una fontana commemorativa dell’omonima battaglia. Caratteristica interessante sono le numerose vie alberate e le pregevoli ville liberty sorte subito dopo la guerra.