La bomba fatta brillare. Concluse le operazioni.

L’Arena, IL GIORNALE DI VERONA 16/06/2015 CRONACA – Pagina 17

IL DISINNESCO. Dopo essere stato reso inerte l’ordigno è stato distrutto dai militari del genio.

L’ultimo atto a Boscomantico. Domenica la polizia aveva denunciato un uomo trovato con arnesi da scasso in una delle strade evacuate.

Bomba ultimo atto. Il ciak dopo le 8 di ieri mattina quando imilitari dell’VIII Genio guastatori paracadutisti della Briscese hanno smantellato tutto il «sarcofago» che aveva contenuto l’ordigno bellico della Seconda guerra mondiale lanciato in zona Arsenale.La bomba è stata posta in una cassa e trasportata a Boscomantico dove poco prima di mezzogiorno è stata fatta brillare e alle 12.50 tutte le operazioni ..continua..

 

 

«La bomba era pronta a esplodere»

L’Arena, IL GIORNALE DI VERONA 15/06/2015 CRONACA – Pagina 7 

«Poteva esplodere». Era, come si dice in gergo, una bomba «cattiva».
Come spiega il comandante della Briscese, Domenico D’Ortenzi, «abbiamo trovato il percussore pronto a battere». La bomba d’aereo che da settant’anni dormiva all’ex Arsenale dopo una incursione dell’aviazione statunitense, poteva risvegliarsi. E tutto questo fa crescere ancora di più il clima che si è respirato domenica: surreale. Era questo l’aggettivo più ricorrente ieri mattina. Surreale, una città dove non c’era.. continua…

 

Bomba Arsenale 2015: elenco strade e civici interessati

 

Allarme bomba, l’area sarà sorvegliata da droni

L’Arena, IL GIORNALE DI VERONA 04/06/2015 CRONACA – Pagina 10 

IL PIANO DI EVACUAZIONE. Sono stati forniti in questura i dettagli dell’intervento e dello sgombero di tutta l’area.

Individueranno eventuali movimenti e guideranno le forze dell’ordine. L’operazione dovrebbe durare un’ora e mezzo. Sospesi anche i sorvoli degli aerei.

Ci siamo. Tutto è deciso. Sono 27 mila i residenti che verranno coinvolti domenica 14 giugno nelle operazioni di disinnesco dell’ordigno bellico che si trova all’Arsenale, ma in un’area privata. Ma quelli che dovranno lasciare le loro abitazioni, perchè si trovano in quella che è stata definita la zona rossa sono 13mila. Nella zona arancione, per i
cui abitanti è disposta la possibilità di restare...continua

 

«Sgombrare? Inutile. Noi resteremo a casa»

L’Arena, IL GIORNALE DI VERONA 04/06/2015 CRONACA – Pagina 11 

Borgo Trento sembrerà deserto, con i negozi chiusi e nessuna anima viva per le strade. Sembrerà. Ma dentro gli appartamenti nella «zona rossa», dietro le tapparelle abbassate, in realtà ci saranno molti abitanti, minimamente sfiorati dall’idea di andarsene di casa durante il bomba day, domenica 14 giugno.
Buona parte del quartiere rientra nel raggio di 700 metri dal luogo di ritrovamento di un grosso ordigno inesploso della seconda guerra mondiale: via Cappellini, all’ex Arsenale. Gli oltre 13 mila cittadini che risiedono entro quest’area, considerata la più a rischio, devono – dovrebbero… continua

 

Bomba day e farmacie. «Nessun disservizio»

L’Arena, IL GIORNALE DI VERONA 02/06/2015 CRONACA – Pagina 30 

Il presidente Massimo Martari: «Domenica 14 giugno tutte quelle di turno aperte sono tutte fuori dalla “zona rossa” da evacuare».

«Bomba day. Nessun disservizio per i cittadini. Le farmacie di turno per domenica 14 giugno sono tutte al di fuori della zona rossa». In occasione del disinnesco della bomba della seconda guerra mondiale, rinvenuta nel cantiere di via Cappellini, all’ex Arsenale, previsto per domenica 14 giugno, l’Ordine dei Farmacisti di Verona ha verificato che
non si vengano a creare disservizi per i cittadini…  continua

Bomba, la zona rossa è di 700 metri

L’Arena, IL GIORNALE DI VERONA 29/05/2015 CRONACA – Pagina 13

DOMENICA 14 GIUGNO. Il Comando dell’VIII Reggimento Genio Guastatori ha stabilito l’area di sicurezza per il disinnesco.

Ma oltre ci sarà una fascia arancione di 300 in cui si potrà restare chiusi in casa e lontano dalle finestre.

È ufficiale. Sarà di 700 metri il raggio d’azione della zona rossa off limits per consentire domenica 14 giugno il disinnesco della bomba della seconda guerra mondiale rinvenuta nel cantiere di via Cappellini, all’ex Arsenale. A questa si aggiungerà un’ulteriore zona di sicurezza, definita arancione,.. continua

.

Bomba day, raggio ridotto per l’area di sgombero

L’Arena, IL GIORNALE DI VERONA 28/05/2015 Alessandra Galetto

imageOggi il tavolo tecnico stabilirà il raggio dell’area da evacuare: non più 1.000 ma tra 600 e 750 metri.
Oggi i veronesi potranno finalmente conoscere con esattezza la zona rossa, cioè l’area off limits del Bomba day di domenica 14 giugno. E potrebbero esserci delle sorprese. Buone. Da 40mila infatti potrebbero passare a circa 27mila i residenti coinvolti nello sgombero, fissato tra le 8 e le 12, salvo imprevisti che costringano a prolungare l’orario dopo mezzogiorno. E le due case di riposo per anziani «Don Carlo Steeb» e «Santa Caterina», in cui si trovano 156 ospiti, per la maggior parte non autosufficienti, potrebbero essere escluse dall’area di evacuazione.
Non c’è infatti ancora nulla di definitivo, perchè l’ultima decisione del tavolo tecnico…, continua

 

Bomba day, denunce per chi non sgombera

L’Arena, IL GIORNALE DI VERONA 24/05/2015 CRONACA – Pagina 14

Nonostante i mugugni l’ordine è tassativo: entro le 8 residenti e turisti dovranno lasciare case e alberghi per il disinnesco.

Restano ancora tanti interrogativi, accompagnati anche da qualche mugugno tra esercenti e albergatori, circa le modalità di sgombero dell’area rossa intorno a via Cappellini, accanto all’ex Arsenale, un chilometro di diametro che abbraccia il centro storico e i dintorni, per la bonifica del terreno dove è stata rinvenuta una bomba d’aereo della seconda guerra mondiale…continua

 

Bomba day, emergenza anziani. Sono 156 i non autosufficienti.

L’Arena, IL GIORNALE DI VERONA 23/05/2015 CRONACA – Pagina 1

Nella zona rossa ricadono le case di riposo don Carlo Steeb e la Santa Caterina. Leone: «Sgomberare il giorno prima».

Centocinquantasei anziani non autosufficienti da spostare, con tutto l’indispensabile corredo di barelle, carrozzine, girelli, sondini per l’alimentazione, apparecchi per la ventilazione meccanica, ossigeno, e altri presidi vitali.
È uno dei problemi più grossi da risolvere prima del «Bomba day», domenica 14 giugno, e della grande evacuazione… continua

Bomba, mercoledì si decide. Sgombero per tutto il centro?

L’Arena, IL GIORNALE DI VERONA 18/05/2015 CRONACA – Pagina 12 

IL PIANO. Fissato il giorno del maxi-vertice per stabilire la data di disinnesco dell’ordigno e le modalità di evacuazione.

Era stata ritrovata nel cantiere del parcheggio dell’Arsenale Incertezza sulla «zona rossa»: andrà dai 500 ai 1.000 metri.

Entro 48 ore si saprà quando verrà disinnescata la bomba trovata all’Arsenale e quanto vasta sarà l’area interessata dall’evacuazione. È stato fissato infatti per mercoledì alle 9.30 il maxi vertice,
presieduto dal prefetto reggente Iginio Olita, che dovrà decidere la data del disinnesco dell’ordigno della seconda guerra mondiale rinvenuto il 29 aprile nel cantiere del parcheggio di via Cappellini.(continua)

 

Bomba all’Arsenale

L‘Arena, IL GIORNALE DI VERONA 10/05/2015 CRONACA – Pagina 16

L’INTERVENTO. Domenica 24 ci sono le celebrazioni per la guerra, quella successiva le elezioni.

Domenica 7 o 14 le date più probabili. E c’è il rischio che decine di alberghi e b&b vengano evacuati. Decisivo il vertice in prefettura.

La bomba può attendere. Ci vorrà un mese o più prima che venga disinnescato l’ordigno bellico ritrovato ormai due settimane fa all’interno del cantiere per il nuovo parcheggio dell’Arsenale. Il 7 o il 14 giugno rischia di dover essere sgomberato tutto il centro storico e gran parte di Borgo Trento, compresi decine fra alberghi e bed & breakfast, che dovranno informare la clientela e favorirne l’evacuazione… continua

 

Bomba day, denunce per chi non sgombera

L’Arena, IL GIORNALE DI VERONA 24/05/2015 CRONACA – Pagina 14

DOMENICA 14 GIUGNO. Dalla Prefettura appello alla collaborazione. Anche per evitare guai.

Nonostante i mugugni l’ordine è tassativo: entro le 8 residenti e turisti dovranno lasciare case e alberghi per il disinnesco.

Restano ancora tanti interrogativi, accompagnati anche da qualche mugugno tra esercenti e albergatori, circa le modalità di sgombero dell’area rossa intorno a via Cappellini, accanto all’ex Arsenale, un chilometro di diametro che abbraccia il centro storico e i dintorni, per la bonifica del terreno dove è stata rinvenuta una bombad’aereo della seconda guerra mondiale.(Continua)

 

Mercoledì vertice decisivo per la maxi-evacuazione

L’Arena, IL GIORNALE DI VERONA 03/05/2015 CRONACA – Pagina 21

BOMBA-DAY. Il tavolo tecnico in Prefettura dovrà decidere tempi e modalità della rimozione in base agli eventi in città.

L’ordigno ritrovato durante i lavori all’ex Arsenale messo in sicurezza dagli artificieri. Forse tutto slitterà a giugno, dopo il voto.

Si svolgerà probabilmente mercoledì in Prefettura il vertice per decidere quando avverranno le operazioni di disinnesco della bomba da 500 libbre risalente alla seconda guerra mondiale emersa in via Cappellini, la strada che collega piazzale Cadorna con lungadige Campagnola, durante i lavori del cantiere per la realizzazione del nuovo parcheggio all’Arsenale.(continua…)

 

C’è la bomba, si sgombera il cuore della città

L’Arena, IL GIORNALE DI VERONA 01/05/2015 CRONACA – Pagina 23

Al cantiere per il parcheggio all’Arsenale l’8° Reggimento Genio ha
lavorato per ore. Identificato un ordigno statunitense di 5 quintali da
disinnescare.

In Prefettura a breve si terrà il tavolo tecnico con la Protezione civile per decidere il giorno e l’area di evacuazione.

Per fortuna il cantiere si è immediatamente bloccato impedendo così che, accidentalmente, una ruspa mettesse in atto quella che sarebbe stata una tragedia. È questo il verdetto del capitano Giuseppe Laianca, dell’8° Reggimento Genio Guastatori Paracadutisti Folgore di Legnago,
che, insieme ad altri militari arrivati da Legnago,..(continua…)

 

Dal nuovo parcheggio spunta una bomba

L’Arena, IL GIORNALE DI VERONA 30/04/2015 CRONACA – Pagina 10

Ancora stop ai lavori nel cantiere. Si sgombera la zona?

Vertice fra artificieri e vigili urbani. Due le ipotesi di intervento: il disinnesco nell’area o il trasloco.

I lavori al nuovo parcheggio dell’Arsenale hanno portato alla luce una bomba d’areo della seconda guerra mondiale. Il cantiere si è immediatamente bloccato, sul posto gli artificieri per controllare
l’ordigno, mentre polizia municipale e polizia di Stato, appena una mezz’ora prima di essere chiamate ad intervenire per la rapina di via Mazzini,…(continua…)