consigliera Paola Bressan

L’AMMINISTRAZIONE. Commissione già al lavoro per la sintesi finale

Sboarina: «La cittadinanza desidera la riqualificazione»
Neri: «Luogo da metterea disposizione dei visitatori»

Revocato il project financing di Italiana Costruzioni, «con tanti voti anche dell’opposizione, segno che la città non voleva quel progetto di riconversione, ora sessanta proposte per il futuro Arsenale giunte al Comune e alla commissione sono il risveglio di una comunità, che vuole bene alla sua città e ai suoi tesori, come l’Arsenale, e vuole parteciparne alla riqualificazione». Lo ha detto il sindaco Federico Sboarina. L’Amministrazione è in prima linea, dice l’assessore all’urbanistica e ambiente Ilaria Segala, sottolineando il lavoro della consigliera Paola Bressan, coordinatrice della commissione che lavorerà in dicembre per individuare tre scenari in vista di un progetto da presentare alla Soprintendenza. «Trasformazione urbana, rilancio economico, congiungere il centro a Borgo Trento, sicurezza per i cittadini, a cui stiamo già lavorando ristrutturando le coperture degli edifici: a questo puntiamo per l’Arsenale, facendo leva sulla creatività. Servono una regia forte, tempi stretti, e partner per trovare fondi. Entro fine gennaio il progetto». Per quello, dice l’assessore alla cultura e al turismo Francesca Briani, «che dovrà diventare il central place di Verona». Un luogo, per l’assessore al patrimonio Edi Maria Neri, «che già numerose associazioni, gruppi teatrali, enti e organizzazioni utilizzano, ma che sempre di più andrà messo a disposizione dell’intera cittadinanza e dei visitatori». Lo ha precisato in Gran Guardia anche Elisa Dalle Pezze, presidente della Seconda circoscrizione (Borgo Trento). E.G.

Tratto da: L'Arena - sez. null- pag. 13

Data: 8/12/2017

Note: E.G.