image

CELEBRAZIONI. Basilica gremita per la messa celebrata da Zenti.

Omelia del vescovo incentrata sulla missione della Chiesa a servizio del bene comune. Sul sagrato intanto proseguono fino a domani stand e show.

 

 Slittata di qualche giorno rispetto agli scorsi anni, ma più sentita che mai. E che, se arriva l´ok definitivo, si concluderà con il gran botto finale lunedì sera, a colpi di fuochi d´artificio. La festa dedicata al patrono di Verona, posticipata rispetto al giorno effettivo della ricorrenza, il 21 maggio, a causa del rischio di possibili ballottaggi per le elezioni amministrative, e partita alla grande venerdì sera con una piazza San Zeno più gremita che mai, ieri mattina ha riunito all´interno della Basilica autorità civili, militari e religiose, per la messa celebrata dal vescovo Zenti.
Un incontro riservato ai fedeli ma che – in concomitanza con i 1.650 anni dall´ordinazione episcopale di San Zeno – ha offerto al vescovo lo spunto per ribadire la missione della fede cristiana di «entrare con rispetto nel tessuto degli ambiti del vivere sociale» a servizio del bene comune, e di riflettere sul ruolo c! he compete ai laici cattolici in questo senso.
«Molto dipende dalle modalità di relazione che i laici cattolici riescono a stabilire con gli altri laici», ha precisato Zenti nell´omelia per commemorare l´anniversario del patrono della città, prendendo a esempio gli ambiti dell´economia e della politica e ponendo l´accento sulla parola gratuità. Una qualità, questa, su cui devono fare perno tutti gli ambiti della laicità, ma da adottare «con particolare necessità» negli ambiti dell´economia e della politica, «che proprio dal senso di gratuità che le ispira troveranno un sicuro impulso a uscire dalle secche nelle quali li ha condannati a precipitare il calcolo del profitto speculativo e del particolarismo».
All´esterno, sul sagrato della Basilica, impeccabile dopo il restauro della facciata appena terminato, fino a lunedì sfilano stand gastronomici affiancati, poco più in là, in piazza Pozza, dalle giostre dedicate! ai bambini. Gli spettacoli in programma oggi coinvolgeranno i! nvece piazzetta Portichetti dove, alle 21, mentre coro e orchestra della Fondazione Arena si esibiranno all´interno della Basilica, andrà in scena la compagnia teatrale La Barcaccia.
«La festa non è mai riuscita così bene, e ha attirato da subito persone di tutte le età», riferisce Cristian Cifelli, presidente dell´associazione Amici che ha organizzato la manifestazione con il Comune. «Lunedì mattina sapremo se i fuochi d´artificio (in programma dopo il monologo di Puliero delle 21.30 dello stesso giorno, ndr) saranno autorizzati. L´anno scorso, per la prima volta dopo 15 anni, sono stati concessi quelli a terra nel parcheggio dell´Ater. Quest´anno puntiamo a quelli aerei che lanceremo in cielo dal vicino Buso del Gato di Porta Fura. Le prospettive sono positive ma manca l´ufficialità e aspettiamo il verdetto della commissione di vigilanza sui pubblici spettacoli».C.BAZZ.

Tratto da: L'Arena, IL GIORNALE DI VERONA

Data: 27/05/2012

Note: CRONACA – Pagina 19