ALLERTA TERRORISMO. Si è riunito il Comitato per l’ ordine pubblico dopo i nuovi allarmi Isis in Italia. Rafforzati i controlli.
Presidiati i luoghi di culto e le vie pedonali. In supporto altri agenti. Un piano anche per i mondiali di scherma. Mulas: «Atleti da 120 Paesi, per alcuni serve una vigilanza speciale»

Non solo la Bra ma anche le zone pedonali come via Mazzini e via Cappello oltre ai luoghi di culto saranno presidiati da militari e forze dell’ordine nelle festività pasquali
Si prepara un periodo intenso per le forze dell’ordine che debbono presidiare il nostro territorio: da Pasqua al Vinitaly, passando attraverso quello che è forse l’evento che merita maggiore attenzione: i mondiali di scherma under 17 e 20 anni, che si disputano a Verona e che portano in città 120 delegazioni da tutti i Paesi del mondo.Tutto in un contesto in cui l’allerta terrorismo in Italia è alta e negli ambienti ministeriali altro non si fa che recitare come un mantra di un probabile evento terroristico nel nostro Paese.Ieri mattina, il prefetto Salvatore Mulas ha coordinato il comitato per l’ordine pubblico e la sicurezza, non soltanto per rimodulare, dove necessario, la presenza degli uomini in divisa, ma anche per quanto riguarda viabilità e traffico.«In questi giorni arriveranno rinforzi di personale», ha assicurato il prefetto Mulas, «ci sono una serie di eventi in scadenza, oltre a Pasqua, ed è previsto un massiccio afflusso turistico, comincia anche la stagione sul lago di Garda. Le celebrazioni religiose dei vari culti, come già era avvenuto anche lo scorso anno, saranno presidiate, sia pur con discrezione. Anche gli ingressi tra via Mazzini e via Cappello verranno controllati e presidiati con una nostra presenza maggiore. Ma soprattutto dal primo al nove aprile, ci sono i mondiali di scherma che coinvolgo anche Paesi, le cui delegazioni hanno necessità di una maggiore tutela, tipo quelle di Russia, Usa, Israele e Paesi del Golfo», spiega il prefetto, «a seguire c’è poi anche Vinitaly, e anche in questo caso c’è bisogno di controlli». L’allerta terrorismo è già alta, soprattutto in concomitanza del recente arresto del marocchino che faceva proselitismo a Torino ed è stato arrestato. Daesh è stato sconfitto sul campo di battaglia, ma la lotta con le cellule all’estero prosegue, con radicalizzati in tante città italiane, una situazione molto fluida che si muove in contesti difficili da penetrare. Particolare impegno in questi casi viene chiesto alla polizia Penitenziaria, perchè spesso sono i radicalizzati in carcere ad essere poi utilizzati dalla struttura terroristica.«La nostra Intelligence sta lavorando molto bene», commenta Mulas, «di questo ne sono certo. Dobbiamo continuare a lavorare tutti insieme, con la consapevolezza che questo è un momento davvero particolare».Manco a volerlo, lunedì, c’è stata una sorta di esercitazione fuori programma con la valigia del commercialista abbandonata davanti alla Gran Guardia. E anche in quel caso, il coordinamento tra le varie componenti ha funzionato. Bra blindata per quasi tre ore e tutte le forze in campo.Si prevede anche un massiccio flusso viabilistico, per questo il comandante della polizia Stradale, Girolamo Lacquaniti ha chiesto alle società delle due autostrade che attraversano il nostro territorio di avere la presenza fisica di casellanti, per snellire il traffico considerato che i caselli automatizzati rallentano il transito, soprattutto se c’è qualche inghippo con stranieri che non sanno come funziona. Le richieste riguardano Peschiera e Sirmione in primis.Pattuglie verranno disposte anche sulla Transpolesana, considerato lo stato del manto stradale. Già sono stati abbassati i limiti di velocità, ma nel caso di bel tempo, considerato che l’arteria porta verso i lidi Ferraresi potrebbero esserci molti motociclisti, cui si raccomanda particolare attenzione. La Stradale ha tra l’altro chiesto ad Anas il cronoprogramma degli interventi per il riprestino del manto stradale.Riguardo le valutazioni e proposte dell’Osservatorio sugli incidenti stradali riunito martedì in prefettura, sono stati disposti servizi di controllo di polizia Stradale con l’ausilio delle polizie Municipali dei Comuni maggiormente interessati ai flussi di traffico. «Il comitato è servito per fare il punto sugli interventi da fare in occasione del ponte pasquale. I flussi turistici dipenderanno molto dalle condizioni meteo, ma la previsione è che ci sia una significativa presenza turistica sia in città sia sul lago. Sono state individuate le azioni congiunte per garantire sicurezza e viabilità», ha detto il sindaco Federico Sboarina.

Tratto da: L'Arena - cronaca- pag. 10

Data: 29/03/2018

Note: ALESSANDRA VACCARI