Auto parcheggiate all'ex caserma Riva di Villasanta

NOVITÀ. Entro l’anno la direzione potrebbe far partire la gara d’appalto
L’offerta di project financing della Apcoa di Mantova Delibera per nominare il responsabile interno
La delibera del direttore generale Francesco Cobello parla chiaro: è arrivata (forse) la soluzione dell’annoso problema del parcheggio all’ospedale di Borgo Trento.Ha deciso, Cobello, di prendere in esame la proposta avanzata da una ditta che a Verona di parking ne ha già firmati molti, di «realizzare una serie di opere per la riorganizzazione del sistema della sosta». Ha già nominato un responsabile del procedimento, l’ingegnere Mozzini, dirigente dell’ufficio tecnico dell’azienda ospedaliera. E ha dato il compito al direttore amministrativo Igino Eleopra di studiare nel dettaglio la proposta di «riordino generale» comprensiva, oltre che degli stalli per le auto di dipendenti e pazienti, anche del verde e dell’arredo urbano dell’intero complesso ospedaliero.La proposta di project financing e di concessione per ridisegnare l’intera area è della Apcoa Parking Italia di Mantova. Che, magicamente (al momento non è possibile visionare disegni e piante, il progetto è top secret) porterà la capienza – attualmente tra Polo Confortini e caserma di Riva di Villasanta di 1.100 posti – a ben 1600. «Un incremento notevole», ammette il dottor Eleopra, «che risolverebbe gran parte dei problemi del nostro personale e degli utenti, con un sistema di regolazioen degl iaccessi molto funzionale. Per fine 2018 saremo in grado di definire l’offerta e se ci saranno, come ci auguriamo, i presupposti per accoglierla, sentite le parti in causa, bandiremo la gara d’appalto. Naturalmente», conclude il dirigente, «di fronte a offerte economicamente vantaggiose avrà diritto di prelazione la ditta di Mantova che ci ha fatto la proposta».

Tratto da: L'Arena - cronaca- pag. 13

Data: 3/05/2018

Note: C.F