L’INIZIATIVA. Nel mirino la sosta selvaggia e la guida con il cellulare. Tra le novità la ciclopista educativa nel bastione di Santo Spirito a disposizione degli insegnanti.
Arrivano altri 50 nonni vigile. Il sindaco: «Servizio insostituibile». Altamura: «Affiancati da pattuglie in divisa per contrastare comportamenti irregolari»

Il sindaco Sboarina, con l’assessore Bertacco e il comandante Altamura con i “nonni vigile” sulla scalinata del municipio, in piazza Bra
Altri 50 “nonni vigile”, per controllare entrata e uscita dei bambini dalle scuole. Ma anche una particolare attenzione nei confronti dei genitori che accompagnano i figli in auto: quindi giro di vite contro sosta selvaggia delle auto, guida con il cellulare e verso chi non utilizza il seggiolino per i bimbi. Quindi: controlli da parte dei vigli e multe per chi sgarra. In vista dell’inizio dell’anno scolastico, mercoledì prossimo, il sindaco Federico Sboarina, l’assessore all’istruzione Stefano Bertacco e il comandante della Polizia municipale, Luigi Altamura, hanno ricevuto in municipio i nuovi volontari. E dettato la linea.«È un servizio indispensabile e insostituibile per la città, grazie al quale l’entrata e l’uscita da scuola dei nostri bambini avviene in modo sicuro», dice il sindaco. «Da parte dell’Amministrazione il più sincero grazie; mettere a disposizione il proprio per tempo per il bene della comunità vuol dire darle un’anima e contribuire a migliorare la qualità di vita dei cittadini e, in questo caso, della famiglie e degli studenti. L’augurio», aggiunge Sboarina rivolto ai nonni vigile, «è che possiate svolgere la vostra attività nelle condizioni migliori, anche meteorologiche, e con il supporto dei genitori». Bertacco sottolinea che i «nonni vigile sono figure ormai familiari sia ai bambini che ai genitori, perché trasmettono sicurezza e serenità, ma allo stesso tempo sono tutt’altro che indulgenti verso comportamenti scorretti che non tutelano la sicurezza dei piccoli pedoni». Proprio su questo fronte, ma anche sul rispetto del codice della stada, fornisce informazioni Altamura. «A Verona il numero degli incidenti gravi è crollato anche grazie al lavoro di prevenzione e informazione nelle scuole e tra i giovanissimi», spiega. «I nonni vigile saranno affiancati all’uscita delle scuole dalle pattuglie della polizia municipale, per contrastare quei comportamenti, purtroppo ancora diffusi, non solo irregolari ma anche pericolosi come le violazioni alla segnaletica, l’utilizzo del cellulare alla guida e il mancato utilizzo di appositi seggiolini e cinture per i bambini in auto». Come riferito alla presentazione, anche per l’anno scolastico 2017/2018 la Polizia municipale sarà presente negli istituiti scolastici con attività di sensibilizzazione e educazione stradale.Tra le novità la ciclopista per la sicurezza stradale nel bastione Santo Spirito – dove c’era lo zoo – la Pes-Piattaforma per l’educazione stradale che raccoglie materiali, indicazioni e campagne sulla sicurezza stradale, a disposizione di tutti i cittadini, in particolare agenti e insegnanti. Circa 17mila bambini e adulti raggiunti lo scorso anno dalle attività, tra cui il corso sulla legalità per stranieri richiedenti asilo, l’evento «Sulla buona strada» in collaborazione con Anci e ministero dei Trasporti, il “reclutamento” di 150 mini-agenti onorari nelle scuole materne comunali, la formazione alla mobilità sostenibile per gli studenti dell’alternanza scuola-lavoro. Poi gli interventi in alcuni Centri ricreativi estivi (Cer). Poi le lezioni all’Ente nazionale sordomuti. Innovativi anche i controlli sui “ciclisti invisibili”, con sanzioni a chi utilizza la bici senza luci.E.G.

Tratto da: Arena

Data: 8/09/2017

Note: E.G.