L'Ufficio postale di via Arsenale: è a rischio chiusura

SERVIZI. Il senatore «interroga» il ministro
Tosato: «La chiusura porterebbe gravi disagi alla popolazione»
Tagli di uffici postali in città: il caso finisce in Parlamento. Il senatore veronese della Lega Paolo Tosato, appreso dal nostro giornale di rischio di chiusure imminenti di sei uffici, ha presentato un’interrogazione al ministro dello sviluppo economico Stefano Patuanelli chiedendo, tra l’altro, di verificare se le Poste hanno intenzione di chiudere sportelli sul territorio nazionale e, citati in premessa quelli di Verona, chiede al ministro se «non ritenga opportuno adoperarsi con Poste Italiane al fine di riconsiderare la decisione di procedere alla chiusura».I sei uffici a rischio chiusura – come Poste Italiane avevano comunicato al Comune – sono quelli di Valdonega, in via Marsala, di Borgo Trento in via Arsenale (dal 10 febbraio) in Borgo Roma in via Scuderlando (pure dal 10 febbraio, ma già chiuso dal 21 settembre) e in via Umago, quindi quello in zona Navigatori in via Vasco de Gama, e un altro di piccole dimensioni. «Gli uffici postali servono i residenti di importanti quartieri e la chiusura può creare rilevanti disagi per la popolazione». Intanto l’assessore Marco Padovani risponde alla critiche al Comune rivolte dal consigliere della Lista Tosi Alberto Bozza: «Non faccia speculazioni politiche. Ci siamo attivati subito per limitare al minimo le chiusure».

Tratto da: L'Arena - cronaca- pag. 14

Data: 10/01/2020

Note: E.G.