Un'auto colpita dai vandali: tagliato lo pneumatico posteriore

SAN ZENO. Al risveglio, la brutta sorpresa. Rabbia nel quartiere: «Se è uno scherzo, è pessimo»
Una decina le macchine colpite a San Bernardino.
Risveglio poco piacevole, nei giorni scorsi, per una decina di residenti della zona di San Bernardino, a pochi passi dal quartiere di San Zeno. Qualche vandalo ha infatti preso di mira le auto parcheggiate in strada e, utilizzando qualche arnese dotato di lama, ha tagliato le gomme delle vetture. Un dispetto, un semplice atto vandalico fine a se stesso o una sorta di vendetta? O magari ancora un pesce d’aprile poco spiritoso? Quel che è certo è che i residenti non hanno gradito la sorpresa.Tutto è avvenuto la notte tra il 31 marzo e il primo aprile. Le auto prese di mira erano parcheggiate tra via Silvio Pellico e via Massimo D’Azeglio. Al mattino, pronti per andare al lavoro, i residenti sono scesi in strada e hanno scoperto che le gomme erano completamente a terra. Qualche auto addirittura con tutti e quattro gli pneumatici forati.«Quando sono arrivata dal gommista, ho incontrato una signora, residente sempre nella zona, che aveva avuto lo stesso problema», racconta Carmen, una delle vittime dell’atto vandalico. «Abbiamo telefonato alla polizia per avvisarla di quanto accaduto e ci hanno detto che avevano ricevuto anche altre chiamate: il problema era diffuso».Da tempo nella zona non capitavano episodi simili, anche se i residenti più longevi ricordano, alcuni anni fa, qualche vettura danneggiata di notte. «Come se non bastassero le gomme, hanno anche rimosso il logo della mia auto», prosegue la residente. «Verona, in particolare la zona di San Bernardino, dove abito ormai da quattro anni, è diventata invivibile, anche perché non ci sono parcheggi gratuiti e soprattutto, quando se ne trova qualcuno, si finisce per ritrovare poi l’auto con graffi, vetri rotti e altre azioni di cattivo gusto».I residenti si sono confrontati tra loro. Secondo qualcuno potrebbe essere stata una sorta di vendetta nei confronti di chi aveva parcheggiato sulle strisce bianche, invece che su quelle dei residenti. Altri ritengono invece che l’azione sia da attribuire ad alcune persone che sono solite bivaccare in piazza San Francesco: «Ci farebbe piacere una maggiore presenza dei vigili o delle forze dell’ordine per evitare altri episodi spiacevoli come questo».

Tratto da: L'Arena - cronaca- pag. 19

Data: 4/04/2019

Note: M.TR.