Le modalità
Esame proposto anche ai presidi e agli insegnanti
Premessa. Il drug test si inserisce in un quadro articolato di interventi informativi, educativi e di Sanità già esistenti e attivati sulla base del Dpr 309/90. È importante chiarire che viene proposto nelle scuole in maniera volontaria, anonima e con il consenso dei genitori (oltre che dello stesso studente), con lo scopo di dare loro la possibilità di individuare il più precocemente possibile situazioni di rischio per il proprio figlio. Non vi è il minimo intento repressivo né tanto meno discriminatorio e per questo i risultati non verranno comunicati alla scuola ma solo agli interessati. Le famiglie degli studenti risultati positivi verranno supportate con specifici percorsi specialistici, su loro richiesta, in ambito educativo e psicologico al Dipartimento delle Dipendenze.Obiettivi. Creare un deterrente all’uso di droghe negli studenti e poter individuare precocemente eventuali situazioni problematiche per intervenire con cure appropriate e precoci. Fornire supporti educativi e psicologici alle famiglie. Incrementare la disapprovazione sociale degli studenti verso l’uso di tutte le droghe, l’abuso alcolico, il tabagismo.Il target. Studenti minori consenzienti con il consenso formale dei genitori precedentemente acquisito; studenti maggiorenni volontari. Il test volontario, a scopo educativo e come esempio per gli studenti, potrà essere offerto ed eseguito anche a dirigenti ed insegnanti.Caratteristiche del test. Volontario, anonimo (il risultato consegnato solo ai genitori), su campione urinario, multisostanza (10 diversi tipi di stupefacente) e sul respiro per l’alcol. Il drug test è eseguibile solo con il pre-consenso fornito da entrambi i genitori alla scuola e all’Ulss che lo eseguirà; in caso di rifiuto da parte dello studente non si procede e si avviseranno i genitori. Il drug testing sarà sempre associato a counselling pre e post-test e supporto educativo alla famiglia e allo studente.L’esecuzione. È rapido (3 minuti per i risultati): se positivo si eseguirà un test di 2° livello più specifico sul campione già prelevato.Sede dell’esame. Infermeria o spazio messo a disposizione della scuola con annesso bagno anche senza la presenza del genitore consenziente. Sede alternativa il Dipartimento delle Dipendenze (su richiesta del genitore).Libertà di scelta. La scuola potrà partecipare alle attività di drug testing solo dopo richiesta esplicita e formale del Dirigente scolastico e su sua libera scelta. Per poter iniziare i controlli la scuola dovrà aver proceduto all’informativa anticipata dei genitori. La scuola partecipante dovrà mettere a disposizione spazi idonei ad assicurare il regolare svolgimento delle attività e la conservazione della privacy degli esaminati. Risultati. Saranno consegnati dal personale sanitario solo ai genitori (no alla scuola) e comunicati contemporaneamente anche allo studente. Gli studenti risultati positivi non avranno conseguenze disciplinari scolastiche. Il ritiro del referto sarà nell’infermeria della scuola, alla presenza dei genitori (almeno uno) il giorno dell’esame, oppure al Dipartimento delle Dipendenze (su scelta del genitore)Trattamento dei dati. Tutti i dati sensibili saranno trattati dagli operatori dell’Ulss come dati sanitari e secondo le regole della privacy (legge 196/2003). Non resteranno dati di alcun tipo dei Drug Test presso la scuola e non verranno trasmessi alla scuola dati nominativi ma solo dati tabellari aggregati per singolo istituto, inviati esclusivamente al Dirigente Scolastico.

Tratto da: L'Arena - cronaca- pag. 14

Data: 9/02/2020

Note: Camilla Ferro