Wanda Girardi CastellaniLa poetessa Wanda Girardi Castellani, ritratta qualche anno fa, in Piazza Vittorio Veneto, mentre recitava alcune sue poesie. Dopo di allora e “scomparsa” all’interno di Villa Monga.È deceduta il 16 del mese scorso. E’ stata una delle maggiori poetessa del nostro Cenacolo e non solo. I suoi figlioli, mi hanno incaricato di recitare una sua poesia durante il funerale.

AMO LA VITA
Amo la vitaL’è tuta na scoperta…l’è un stupor
da quando le persiane le tamisa
el primo sol sfaciato el primo canto
a quando il dì nel fogo el va morir.
Amo e me incanta tuta la natura
da le sime più alte, al bao par tera.
Amo quel Dio che sempre trasprisse
Da le assioni de l’omo e in quel che l’è.
Amo ci me vol ben, ci no’ me ama.
Amo l’amor, quel dolçe e quel amaro:
Amo el dolor che sta drio de ogni gioia
Levegàndose a pian nel mar dl tempo
Come la véra soto la fontana.
Amo i me sogni cine de ogni note,
che no’ gà fine mai oltre el risveio
e amo la çertessa de la morte
parché dopo el mister e quela porta
amo pensar a un mondo
anor mejo..
Wanda Girardi Castellani.

Ciao Wanda
Piano primo de Vila Monga:
passava de spesso
a troar la me amiga……
ghe andàa par dover,
ma con fadiga,
l’è vera,a vedar tanta gente
ridota in quela maniera…
e ti, Wanda, tra tubi e tubeti,
te me contai del Cenacolo,
de poeti e de soneti…
Sensa mai na lagrimeta,
sensa mai un lamento…
Te parlavi a stento…
e anca se ero lì arente,
capìa poco o quasi gnente.
… Dopo ani e ani,
t’è finì de tribulare
te si ’ndà nel Paradiso dei Poeti

…N’amiga te si stada,
malada anca de rime… e de nostalgie…
T’eri come na soca,
incastrà drio a un progno,
doe come funghi,
nassea armonie de versi.
Po’ t’è finì el to Calvario…
Sul bufeto, un libreto de poesie
e na corona del rosario.
Bruno

Sorgente: Voce e pensieri di Bruno – Vi esporrò mie considerazioni