L'assessore Zanotto (a destra) con il comandante della polizia municipale Altamura davanti alla telecamera di Ponte Garibaldi FOTO MARCHIORI

VIABILITÀ. Fra due settimane nuovi occhi elettronici attivi in tre varchi: via Nizza, Municipio e Ponte Garibaldi, dove ieri l’amministrazione ha illustrato la novità
Sono una media di 238 al giorno. E ora entrano in funzione le telecamere anche in uscita. Dal 1° febbraio scattano le multe
ENRICO GIARDINI

Varchi della Zona a traffico limitato del centro storico, quelli delimitati dalle telecamere: da febbraio la mannaia diventerà più pesante, per gli automobilisti. Nel 2018 le multe per transito abusivo sono state 87.209, una media di 238 al giorno. Un numero enorme, ancora, se si considera che le telecamere sono state collocate quasi 14 anni fa. E dal mese prossimo i numeri potrebbero aumentare ancora. Entreranno infatti in funzione tre nuove telecamere che consentiranno di individuare e multare quanti, entrati nella Ztl nelle fasce orarie aperte a tutti, usciranno oltre l’orario massimo di permanenza consentito.I tre nuovi occhi elettronici sono in via Nizza, al ponte Garibaldi e a fianco del municipio, in uscita dunque dal centro. Come ha sottolineato più volte – e anche ieri al ponte Garibaldi per mostrare una delle tre nuove telecamere – l’assessore alla mobilità Luca Zanotto insieme al comandante della Polizia municipale Luigi Altamura, sin da quando sono entrate in funzione le telecamere ai varchi era già vietato restare nella Ztl oltre l’orario massimo.L’accesso e la permanenza nella Ztl, per chi non dispone del “pass” (residenti, commercianti, furgoni per consegna merci, permessi temporanei a genitori per accompagnare i figli a scuola) è consentito dalle 10 alle 13.30 e dalle 16 alle 18, nei giorni feriali – anche dalle 20 alle 22, ma solo per massimo 150 ingressi – e dalle 10 alle 13.30 nei festivi. I mezzi privi di “pass” non possono rimanere nella Ztl oltre questi orari e, già oggi, sono passibili di contravvenzione nel caso vengano fermati dalla Polizia municipale.Le sanzioni sono aumentate dall’1 gennaio scorso e sono pari a 98,50 euro, ridotte a 73,60 se vengono pagate entro cinque giorni. Il test realizzato sabato, domenica e lunedì ha mostrato come, dopo anni, sono ancora molti i veronesi che non rispettano gli orari in uscita della Ztl, come detto 87.209, nel 2018. Il picco è stato rilevato lunedì, a ponte Garibaldi, con 189 trasgressori. Pure lunedì sarebbero state 186 le multe comminate in uscita dal varco del municipio, mentre sono stati 165 sabato e 135 domenica i transiti non consentiti per uscire da via Nizza.«Rivolgo un appello a tutti i cittadini a rispettare le norme», spiega Zanotto. «Va posta grande attenzione non solo agli orari in cui si entra, ma anche quando si esce in auto dalla Ztl, perché le telecamere sanzioneranno in automatico chi non rispetterà questi limiti temporali. Le telecamere c’erano già e ora è stato fatto l’aggiornamento tecnologico e così avremo la possibilità di controllare meglio i varchi, facendo rispettare l’ordinanza della Ztl e garantire maggiore sicurezza e vivibilità al centro».I risultati del test dello scorso fine settimana, sottolinea Altamura, «non sono buoni. In soli tre giorni, le nuove telecamere avrebbero elevato oltre 800 verbali per mezzi rimasti in Ztl oltre gli orari consentiti. Il dato allarmante è anche l’ancora elevato numero di trasgressori della Ztl in entrata».Nel 2018 le multe sono state appunto 87.209, mille in più del 2017, di cui oltre 23mila ad auto con targa straniera: 8.063 con targa tedesca, tremila francese, 2.031 romena. Intanto, procedono le verifiche tecniche e normative per introdurre ai varchi anche il sistema RFid, con “chip” collegati ai “pass”.

Tratto da: Il giornale L'ARENA

Data: 17/01/2019